Petsblog Animali domestici Uccelli Pappagalli che dicono parolacce: le 4 storie più incredibili

Pappagalli che dicono parolacce: le 4 storie più incredibili

Pappagalli che dicono parolacce: le 4 storie più incredibili

Pappagalli che dicono parolacce: quali saranno le storie più strane e bizzarre accadute in giro per il mondo? Pochi giorni fa abbiamo scoperto come fare a insegnare delle parole ai pappagalli. Abbiamo anche visto come una parolaccia, soprattutto se pronunciata con enfasi di fronte al proprio amico pennuto, possa essere memorizzata e quindi ripetuta a oltranza dal nostro animale domestico.

Apparentemente si tratta di un fenomeno divertente e buffo, ma non sempre i pappagalli che dicono parolacce hanno vita facile.

Oggi vogliamo raccontarvi alcune storie accadute in giro per il mondo, che ci faranno comprendere ancor meglio questo bizzarro e incredibilmente comune fenomeno!

1) Pappagalli che dicono parolacce: la storia del pet accusato di stalking

Un pappagallo di Viterbo è stato accusato di stalking da due turisti che si trovavano spesso a passare di fronte alla sua gabbia. A quanto pare l’animale aveva la brutta abitudine di ricoprire i passanti di insulti (concentrandosi in particolar modo sulle origini meridionali e sul peso eccessivo di uno dei due turisti). Il pennuto – che ovviamente non ha nessuna colpa – ha quindi avuto dei problemi con la legge.

2) La storia del merlo maleducato

E dai pappagalli, passiamo a un altro tipo di uccello, e più esattamente a un merlo che, parecchi anni fa, è stato segnalato alle autorità per il suo modo di salutare una povera ragazza che si trovava a passare dalle sue parti. A quanto pare l’animale aveva la cattiva abitudine di salutarla con un sonoro “Buongiorno gran t*****”. La ragazza ha sopportato questo comportamento per molto tempo, fin quando non ha deciso di segnalare la questione  a chi di dovere. Per il merlo fu stabilito un percorso di rieducazione.

3) La storia dello storno accusato di stalking

Parliamo adesso di un altro tipo di uccello, uno storno, che molti anni fa ha avuto qualche problemino con la legge a causa delle parole che i suoi padroncini gli hanno insegnato. Nel 2011, a Taiwan, lo storno – un volatile simile ad un merlo indiano – sarebbe stato denunciato per molestie. A quanto sembra l’animale sarebbe stato addestrato a ripetere parole offensive (idiota, ignorante e presuntuoso) contro un malcapitato conoscente della famiglia. L’animale – che in realtà non ha ovviamente nessuna colpa – è stato accusato di stalking!

4) Pappagalli che dicono parolacce e non solo: un pennuto mette nei guai il suo padroncino

E per finire vi segnaliamo la storia di un pappagallo della Florida che un giorno ha terrorizzato il vicinato. L’animale ha infatti iniziato a urlare “Fammi uscire!! Fammi uscire!” con una voce chiaramente da donna. I vicini di casa si sono insospettivi ed hanno chiamato le forze dell’ordine. Immaginate la sorpresa degli agenti quando hanno scoperto che a gridare era un pappagallo? L’uomo – che ha vissuto con il volatile sin da piccolo – avrebbe insegnato questa frase al pennuto per fare uno scherzo ai genitori. Beh, a distanza di anni lo scherzo più divertente lo ha fatto il suo pet!

Come potete constatare, alcune di queste vicende sono buffe e divertenti. Altre però possono creare molti problemi, sia ai pappagalli e agli altri uccelli parlanti che ai loro padroncini. Quando decidete di adottare un animale del genere, pensate bene alle conseguenze delle parole che intendete insegnargli! I pappagalli che dicono parolacce non hanno affatto una vita semplice!

Foto di Jasmin Key da Pixabay

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare