Petsblog Cani Avvelenamento da naftalina nel cane e gatto: cause, sintomi e terapia

Avvelenamento da naftalina nel cane e gatto: cause, sintomi e terapia

Anche la naftalina può provocare una forma di avvelenamento nel cane e gatto: ecco cause, sintomi, diagnosi e terapia.

Avvelenamento da naftalina nel cane e gatto: cause, sintomi e terapia

Avvelenamento da naftalina nel cane e gatto – Lo sapevate che anche la naftalina può provocare un avvelenamento nel cane e gatto? Di solito usiamo la naftalina come antitarme, anche se si usava anche nei deodoranti per il bagno, salvo poi essere sostituita perché troppo tossica. La naftalina è particolarmente tossica per i gatti, ma anche i cani sono estremamente sensibili. Ecco dunque cause, sintomi, diagnosi e terapia dell’avvelenamento da naftalina nel cane e gatto.

Avvelenamento da naftalina nel cane e gatto: cause e sintomi

Fondamentalmente cani e gatti si intossicano perché trovano le palline di naftalina che mettiamo negli armadi come antitarme, le leccano e le ingeriscono. La naftalina provoca sintomi gastrotenterici e vomito, causando la stimolazione del SNC e si ha emolisi con anemia con corpi di Heinz. La dose letale 50 per bocca nei cani è di 400 mg/kg, mentre è più bassa nei gatti. Considerate che di solito una pallina di naftalina è sui 6 grammi: questo vuol dire che una sola pallina è mortale.

I sintomi di avvelenamento da naftalina nel cane e gatto sono:

  • vomito (tipicamente il vomito sa di antitarme)
  • metaemoglobinemia
  • anemia con corpi di Heinz
  • emolisi acuta
  • emoglobinuria
  • mucose pallide
  • tachicardia
  • dispnea
  • convulsioni
  • sintomi di epatite 3-5 giorni dopo l’ingestione

A livello di esami del sangue abbiamo anemia emolitica, disidratazione e emoglobinuria.

Avvelenamento da naftalina nel cane e gatto: diagnosi e sintomi

Non esiste un esame per dirvi se il cane e il gatto sono stati avvelenati dalla naftalina. Ci si basa sulla visita, sui sintomi, sull’anamnesi e sull’odore di antitarme nell’alito del pet. Non esiste neanche un antidoto, per cui la terapia è sintomatica: si stabilizza il paziente, si cerca di indurre il vomito se l’ingestione è avvenuta massimo 30-60 minuti prima, idem dicasi per la lavanda gastrica, ma solo se si è sicuri dell’ingestione. Si usa anche il carbone attivo e i purganti. La metaemoglobinemia si tratta con acetilcisteina, nel cane blu di metilene, trasfusioni, acido ascorbico…

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | anjanettew

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come far addormentare un cane
Cani

Come tranquillizzare un cane di notte? Sapere come far addormentare un cane potrebbe essere di aiuto sia per te che per il tuo pet, specialmente se il cane non dorme per colpa dello stress, di una malattia o perché si sente a disagio. La privazione del sonno, infatti, potrebbe comportare spiacevoli conseguenze per il tuo pet. Per affrontare il problema, bisognerà individuare le cause sottostanti.