Petsblog Cani Cane con respiro affannoso: cosa fare?

Cane con respiro affannoso: cosa fare?

Se il tuo cane ha il respiro affannoso o una forma di dispnea vera e propria, non è un sintomo da trascurare. Se puoi attendere qualche giorno prima di far visitare il tuo cane che si gratta, se il cane respira male non puoi permetterti questo lusso: di prurito il cane non muore, di dispnea sì. Anche perché le cause di dispnea e affaticamento del respiro nei cani sono diverse e richiedono terapie differenti

Cane con respiro affannoso: cosa fare?

Cosa fare se il cane ha il respiro affannoso? Contattare subito il proprio veterinario. E se il proprio veterinario in quel momento non è reperibile, andare in un Pronto Soccorso veterinario aperto H24. Questo perché una dispnea nel cane va considerata e trattata come un’emergenza. Ovviamente se si tratta di vero respiro affannoso e non, per esempio, di cane che ha appena fatto una corsetta e che è normale che subito dopo ansimi un po’. O di starnuto inverso scambiato per dispnea. O di un cucciolo un po’ eccitato.

Cane con respiro affannoso: cause

cane respiro difficoltoso

Sono diverse le cause che possono causare un respiro affannoso nel cane. Prima di andarle a vedere, bisognerebbe anche caratterizzare meglio questo respiro difficoltoso:

  • dispnea vera: il cane sta in piedi allargando la base d’appoggio anteriore per cercare di espandere il polmone, talvolta allungando il collo. Le gengive sono o pallide o blu-violacee. Talvolta è presente tosse, talvolta scolo nasale o dalla bocca. Qualsiasi sia la causa, un cane con questo atteggiamento è grave e va visto subito (anche perché questo tipo di dispnea è presente in caso di insufficienza cardiaca, edema polmonare, pneumotorace, ipertensione polmonare, polmonite, contusioni polmonari, versamenti pleurici, versamenti pericardici…)
  • tachipnea: la respirazione è più rapida del normale. Succede ed è normale quando il cane gioca, è stressato o eccitato, ma a riposo non deve superare i 26-30 respiri al minuto. Se li supera, potrebbe esserci un problema polmonare o cardiaco in atto
  • respiro altalenante: normalmente torace e addome durante la respirazione si muovono in contemporanea. Se però quando espira il cane contrae eccessivamente l’addome, ecco che si ha un respiro altalenante provocato da insufficienza cardiaca, edema polmonare, versamento pleurico, versamento pericardico, ernia diaframmatica
  • respiro pesante: in questo caso il respiro è particolarmente rumoroso. Indica un problema alle alte vie nasali, ma anche un possibile problema cardiaco, soprattutto se il cane ha un respiro affannoso mentre dorme o mentre è a riposo

Detto ciò, le principali cause di respiro affannoso nel cane sono:

  • insufficienza cardiaca congestizia
  • edema polmonare
  • ipertensione polmonare
  • contusione polmonare
  • versamento pleurico
  • versamento pericardico
  • filariosi cardiopolmonare
  • parassitosi polmonari
  • bronchiti
  • polmoniti
  • pneumotorace
  • ernia diaframmatica
  • complesso della dilatazione/torsione dello stomaco
  • sindrome di Cushing
  • shock anafilattico
  • dolore
  • emorragie
  • anemia
  • ipocalcemia
  • colpo di calore
  • setticemia
  • ascesso polmonare
  • tumori

Cosa fare se il cane ha il respiro affannoso?

Un cane che ha il respiro affannoso, può presentare anche altri sintomi:

  • potrebbe vomitare
  • sta in piedi allargando le zampe anteriori e tenendo il collo teso
  • si alza e si muove di continuo, non trovando pace e collassando quando si agita troppo
  • ha la lingua chiara o cianotica
  • tiene la lingua fuori
  • sbava
  • non mangia
  • ha l’addome gonfio
  • tossisce

Quello che devi fare se il cane respira in maniera affannosa, ha dispnea, tossisce, collassa o ha l’addome gonfio, è andare subito dal veterinario. Come hai visto, tutte le cause di dispnea del cane sono collegate a malattie gravi che vanno diagnosticate e trattate in una maniera specifica.

La terapia per una dispnea da edema polmonare, non è la stessa della terapia per una dispnea da torsione dello stomaco o da tumore. Mentre porti il cane dal veterinario, cerca di farlo stare tranquillo in un ambiente fresco e ventilato. E corri dal veterinario.

Fonti:

  1. PetMD
  2. PubMed

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Ogni quanto lavare il cane in estate
Salute cani

Ogni quanto lavare il cane in estate? Per stabilire la frequenza dei bagnetti per il tuo pet bisogna tenere in considerazione diversi fattori, come la lunghezza del pelo e lo stile di vita del cane. In linea di massima, un bagno ogni 2-3 mesi è sufficiente, ma un cane a pelo lungo o un quattrozampe molto attivo potrebbe richiedere qualche bagnetto extra.