Petsblog Cani Poliuria e polidipsia nel cane e nel gatto: cosa sono e cause

Poliuria e polidipsia nel cane e nel gatto: cosa sono e cause

Poliuria e polidipsia nel cane e nel gatto: cosa sono e cause

Poliuria e polidipsia nel cane e nel gatto – Può capitare che talvolta riferendosi ai sintomi da voi appena descritti il veterinario esca fuori con termini come poliuria e polidipsia. Se è vero che rispetto ai medici umani i veterinari cercano di rimanere un po’ di più con i piedi per terra senza parlare “medichese stretto” (nel tentativo di far comprendere meglio al proprietario di cosa si stia parlando), è anche vero che ogni tanto termini simili scappano. Ecco dunque perché oggi andremo a vedere cosa vogliono dire poliuria e polidipsia nel cane e nel gatto, le cause e cosa fare.

Poliuria e polidipsia nel cane e nel gatto: cosa significano e cause

In linea molto generale conviene sapere che il consumo di acqua e la produzione di urina da parte dell’organismo sono regolati da interazioni fra l’osmolarità del plasma, il volume del plasma, il centro della sete, i reni, l’ipotalamo e l’ipofisi. Quando uno di questi meccanismi non funziona ecco che compaiono come sintomi la poliuria e la polidipsia.

Poliuria vuole dire urinare tanto (non nel senso della frequenza, ma nel senso della quantità di urina prodotta), mentre polidipsia vuol dire bere tanto. Di solito polidipsia e poliuria tendono a comparire in diverse malattie endocrine del cane e del gatto, ma non solo. Se si beve tanto, è normale anche urinare tanto.

Fra le principali cause di poliuria e polidipsia nel cane e nel gatto ricordiamo:

Poliuria e polidipsia nel cane e nel gatto: cosa fare

Come potete notare, le cause di poliuria e polidipsia sono fra le più disparate: è necessaria fare diagnosi con diversi esami prima di capire la causa e poter impostare una terapia, basandosi anche su eventuali altri sintomi presenti. La terapia per un diabete mellito non è ovviamente la stessa di una piometra o di una insufficienza renale: senza sapere quale sia la causa scatenante è impossibile stabilire la terapia corretta.

In teoria se si riesce a risolvere la causa primaria, almeno là dove possibile e se non parliamo di una patologia cronica come l’insufficienza renale, anche il sintomo di poliuria e polidipsia (spesso abbreviato con l’acronimo di PU/PU) dovrebbe progressivamente regredire, salvo ripresentarsi quando la malattia ritorna attiva.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | isasza

Seguici anche sui canali social