Come accarezzare un pappagallo? 5 consigli da seguire

Come accarezzare un pappagallo? 5 consigli da seguire

Come accarezzare un pappagallo? Scopri quali sono le zone da non toccare e quelle da accarezzare per coccolare il tuo pappagallo

Come accarezzare un pappagallo? E come fare in modo che il nostro pennuto inizi a fidarsi di noi? Chi ha un pappagallo in casa avrà di certo avuto più volte la tentazione di accarezzarlo e coccolarlo. Si tratta di un istinto più che naturale quando ci troviamo di fronte al nostro animale domestico. Ma siamo proprio certi che il vostro pappagallo voglia le coccole?

Se si tratta di un pappagallo allevato a mano, con buone probabilità sarà lui stesso a cercare qualche carezza, sporgendo ad esempio il becco fuori dalle sbarre della sua gabbia. Così facendo vi sta salutando e vi sta chiedendo qualche piccola coccola.

Ma come accarezzare un pappagallo senza rischiare di fargli male? Prima di tutto, è chiaro che per poter coccolare il pappagallo è necessario che quest’ultimo si fidi di noi, quindi fate in modo di instaurare un buon rapporto con lui. Non alzate la voce quando vi trovate vicino alla gabbia, parlate con l’animale in modo calmo e pacato, e ricordate di toccarlo sempre con molta delicatezza.

Se il pappagallo ha già fiducia in voi e volete fargli qualche coccola, ecco qualche piccolo consiglio utile da seguire.

Come accarezzare un pappagallo senza rischiare di fargli male

pappagallo calopsite

  1. Prima di accarezzare il vostro pappagallo, ricordate che alcune zone dell’animale non andrebbero toccate. Si tratta in particolar modo delle zone erogene. Accarezzandole rischiereste di ottenere un effetto indesiderato. Il pennuto potrebbe diventare troppo appiccicoso o persino aggressivo. Evitate quindi di toccare la zona delle ali e quella del ventre e basso ventre.
  2. Ma dove accarezzare un pappagallo? Le zone che potrete toccare sono essenzialmente quella sotto al becco, la testa e il dorso.
  3. Quando accarezzate un pappagallo, assicuratevi di avere le mani pulite. Ricordate che il vostro pennuto utilizza il becco per tenere in ordine le piume, quindi lavate le mani prima di toccarlo.
  4. Mentre accarezzate il vostro pet, lodatelo con voce calma e ripetendo di tanto in tanto il suo nome.
  5. Tenete a mente che non tutti i pappagalli amano essere accarezzati. Alcuni sono più coccoloni, altri più indipendenti. Rispettate la natura dell’animale e non costringetelo a farsi coccolare se non lo desidera, poiché potreste stressarlo e ricevere anche qualche sonora beccata.

Foto di Joshua_Willson da Pixabay
Foto di Chrisad da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog