Petsblog Animali domestici Uccelli Se il pappagallo non canta più: ecco quando dovresti preoccuparti

Se il pappagallo non canta più: ecco quando dovresti preoccuparti

Se il pappagallo non canta più: ecco quando dovresti preoccuparti

Perché un pappagallo smette di cantare all’improvviso? Se un pappagallo non canta più, nella maggior parte dei casi non possiamo fare a meno di preoccuparci. Il motivo del suo improvviso silenzio potrebbe essere infatti legato a dei problemi di salute. L’animale potrebbe essere ammalato, potrebbe aver subito un trauma, e dovrà quindi essere portato immediatamente dal veterinario. Ma quando è effettivamente il caso di preoccuparsi? E come capire se un pappagallo sta male?

Generalmente noi padroncini di pennuti chiacchieroni tendiamo a cercare informazioni e consigli per far smettere al pappagallo di urlare. Ebbene, questo non è il problema più grave che potremmo trovarci a dover affrontare. Più degli strilli del pappagallo, a turbare i nostri giorni potrebbero essere i suoi silenzi.

Un pappagallo che non canta – come ho accennato – potrebbe infatti essere ammalato. In molti casi, il silenzio del nostro piccolino è sintomo di qualcosa che non va. Se ad esempio un pappagallo ha qualcosa incastrato nella trachea (ad esempio un pezzetto di cibo o ancor peggio, un pezzetto di un suo giocattolo) potrebbe smettere di vocalizzare. A tal proposito, vi consiglio di leggere la nostra guida per scegliere i migliori giocattoli per il pappagallo.

Pappagallo non canta più: quando preoccuparsi?

Non è solo il silenzio a doverci mettere in allarme. Anche dei suoni molto diversi e più bassi rispetto al solito dovrebbero essere tenuti in considerazione. In caso di malattie e infezioni, l’animale potrebbe infatti emettere dei suoni più bassi o più acuti rispetto alla norma, o ancora, potrebbe emettere un fischio rauco che non avevate mai sentito prima.

Malattie come tracheite, infiammazioni e bronchite possono inoltre rendere il vostro pappagallo silenzioso. Se doveste notare un cambiamento nel comportamento dell’animale, la cosa migliore da fare è sempre quella di portarlo dal veterinario, specialmente se il piccolino ha smesso di cantare da più di un giorno e soprattutto se presenta anche altri problemi come letargia, piume gonfie, inappetenza e difficoltà nella respirazione.

Se il piccolino sembra in buona salute, in attesa di parlare con il veterinario potreste provare a stimolare la sua voglia di vocalizzare facendogli ascoltare degli audio con il cinguettio degli uccelli. Probabilmente il vostro pet non ha semplicemente voglia di cantare, ma se il problema non dovesse risolversi, evitate di sottovalutarlo e portate dal dottore il vostro piccolino.

via | be.chewy.com
Foto di Safa Al-Saki da Pixabay

Seguici anche sui canali social