Cosa possiamo fare per proteggere le api dal pericolo di estinzione?

Cosa possiamo fare per proteggere le api dal pericolo di estinzione?

Proteggere le api dal rischio di estinzione: perchè è tanto importante e cosa possiamo fare per salvare il nostro mondo

Cosa possiamo fare per proteggere le api dal pericolo di estinzione? Purtroppo quello della scomparsa delle api è un problema molto serio. Per molti si tratta di insetti di poco valore, un animale da scacciare quando si intrufola dentro casa, ma in realtà le api svolgono un ruolo fondamentale nell’equilibrio del mondo. Una delle più celebri frasi attribuite ad Albert Einstein è quella secondo cui se le api scomparissero dalla faccia della terra, nell’arco di quattro anni l’uomo non avrebbe più alcuna speranza di sopravvivenza.

Ma a cosa potrebbe essere dovuto un simile effetto? Con la scomparsa delle api, si ridurrebbe in maniera drastica il tasso di impollinazione delle piante, e ciò avrebbe un effetto drammatico sull’agricoltura e sulla flora in generale. Vi basti pensare che il 70-80% delle colture attualmente consumate dagli esseri umani (che forniscono circa il 90% della nutrizione mondiale), vengono impollinate dalle api. Insomma, in poche parole: niente api, niente cibo.

Si potrebbe cambiare tipo di alimentazione? E quali sarebbero le conseguenze per la nostra salute? Ma soprattutto, ha senso stravolgere il nostro intero sistema alimentare e spazzare via la biodiversità pur di continuare a inquinare e danneggiare l’ambiente?

La risposta è ovviamente no. Bisogna salvare le api dal rischio di estinzione, ma non solo. Bisogna prendere coscienza del fatto che in natura siamo tutti connessi.

Perché le api stanno scomparendo?

Il mondo è – o almeno dovrebbe essere – in perfetto equilibrio. E’ stato così per molto tempo, sin da prima della comparsa dell’uomo sulla terra. La razza umana ha però alterato questo equilibrio, ed a pagarne le conseguenze non sono solo le foreste o gli animali, siamo e saremo anche noi.

Ma nello specifico, perché le api si stanno estinguendo? Colpa delle malattie certo, ma non solo. Le api sono in via di estinzione soprattutto a causa dell’azione dell’uomo, dell’uso di pesticidi, della siccità, del deficit nutrizionale, dell’inquinamento atmosferico e del cambiamento climatico.

Le api stanno morendo anche a causa della sempre maggiore e incontrollata distruzione di interi habitat naturali, che ha raso al suolo la casa di moltissime specie animali, la cui esistenza dipende solo dalle nostre coscienze.

Come proteggere le api dal pericolo di estinzione

Abbiamo visto che, come tanti altri animali, le api non stanno affatto bene. Già dieci anni fa ne parlava Piero Angela nella sua trasmissione Superquark, e ad oggi, nonostante gli allarmi lanciati dagli esperti di tutto il mondo, la situazione non è migliorata, ma addirittura peggiorata. Gli esseri umani sono in gran parte responsabili di alcune delle più importanti cause della scomparsa delle api. Ma come far parte della soluzione anziché del problema?

Di seguito vogliamo fornirvi una serie di utili consigli per proteggere le api:

  • Mettere in balcone delle piante per impollinatori (soprattutto quelle con fiori ricchi di nettare e polline, come tulipani, lavanda e crisantemi).
  • Non utilizzare pesticidi, che possono indebolire gli insetti.
  • Scegliere alimenti di origine biologica e a produzione locale. In questo modo potrete preservare gli habitat selvatici e proteggere le api.
  • Sostenere i progetti di rewilding, vale a dire delle soluzioni volte al recupero degli ecosistemi attraverso progetti di “rinaturalizzazione”.
  • Costruire un hotel per api utilizzando dei pezzi di scarto di legno o mobili, bottiglie di plastica, vecchi bastoni e quant’altro. In alto potete trovare un video tutorial per costruire l’hotel per api perfetto.

Mettere in pratica questi piccoli consigli non costa nulla e farà già una grande differenza. Dovremmo farlo tutti, perché le api sono importanti per l’ambiente e per il nostro pianeta.

Foto di Beverly Buckley da Pixabay
via | Mossy.earth

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog