Petsblog Comportamento Gatti Sapete leggere le espressioni facciali dei gatti?

Sapete leggere le espressioni facciali dei gatti?

Sapete leggere le espressioni facciali dei gatti?

Leggere le espressioni facciali dei gatti non è da tutti. Se già parecchie persone faticano a capire le espressioni del muso dei cani, con i gatti pare che sia ancora più difficile. I gatti sono creature a volte imperscrutabili, inclini a comportamenti bizzarri e peculiari. Tuttavia ci sono alcune persone in grado di cogliere i loro sottili segnali emotivi, incluse le espressioni facciali. E senza fare affidamento su indizi come movimenti di coda, posizione delle orecchie o dei baffi. Lo studio pubblicato sulla rivista Animal Welfare ha dimostrato che non tutte le persone sono capaci di interpretare le espressioni facciali dei gatti.

Espressioni facciali dei gatti: lo studio

Lo studio in questione è stato realizzato dai ricercatori dell’Università di Guelph in Ontario, Canada. Sono stati reclutati 6329 partecipanti: costoro hanno guardato una serie di 20 videclip dove gatti reagivano a eventi positivi o negativi. Con interazione positiva si intendeva un gatto che si avvicinava felice a un essere umano o un’azione identificata dal proprietario come evento piacevole, come, per esempio, andare nel posto preferito.

Con interazione negativa si intendeva un gatto messo di fronte a qualcosa che voleva evitare, impedirgli di entrare da qualche parte o di uscire o che mostrava segni di nervosismo come il ringhio (ovviamente dal video i suoni erano stati eliminati).

La maggior parte dei video visionati dai partecipanti arrivava da YouTube, ma alcuni erano stati inviati anche da veterinari o altri colleghi universitari. Dai video sono poi state escluse le razze di gatto a pelo lungo in quanto i peli avrebbero potuto mascherare i cambiamenti di espressione.

La maggior parte degli intervistati erano proprietari di gatti: il 74% erano donne di età compresa fra i 18 e i 44 anni. Usando questi brevi filmati, i ricercatori hanno chiesto ai soggetti di classificare i gatti guardando solamente le espressioni del muso: erano alle prese con un comportamento positivo o negativo?

I risultati dello studio: molte persone non capiscono i gatti

Si è così visto che solo il 59% degli interessati riusciva a identificare accuratamente l’umore del gatto guardando solamente le espressioni facciali del gatto. Solamente il 13% degli intervistati ha ottenuto buoni risultati nel test. Non si stupirà nessuno nel sapere che coloro che riuscivano a interpretare bene le espressioni facciali dei gatti erano persone che avevano vasta esperienza con i gatti, i veterinari in pratica. Georgia Mason, autore dello studio, ha spiegato che i veterinari hanno più opportunità di imparare a interpretare correttamente i gatti, ma non solo: sono anche maggiormente motivati nel farlo. Questo perché i veterinari devono rispondere costantemente a domande come “Questo gatto sta meglio?”, “Dobbiamo cambiare la terapia?”, “Posso far tornare a casa questo gatto?”, ma soprattutto “Questo gatto sta per azzannarmi alla gola?”.

Via | MentalFloss

Seguici anche sui canali social