I cani possono vedere i fantasmi?

I cani possono vedere i fantasmi?

Vi siete mai chiesti se i cani possono vedere i fantasmi? Ecco cosa ci dice la scienza a proposito di cani e spettri.

I cani possono vedere i fantasmi? Ogni tanto qualcuno se lo chiede. Ovviamente la risposta dipende prima di tutto dal fatto che uno creda o meno all’esistenza di fantasmi, spettri e affini. La domanda, in realtà, ha radici abbastanza profonde. I cani hanno dei sensi maggiormente sviluppati rispetto ai nostri: possono, per esempio, percepire tramite il fiuto la presenza di alcuni tumori, sono in grado di percepire prima che si scatenino temporali e terremoti, dunque perché non possono essere in grado di vedere cose invisibili agli esseri umani.

Abbaia di notte, per i residenti è un cane fantasma: si organizza una seduta spiritica

Cani e fantasmi: cosa dice la scienza?

Jesus Aramendi, veterinatio di Chewy, ha spiegato che c’è molta documentazione a sostegno della tesi che i cani possano percepire attività paranormali. Tuttavia il problema è che non esistono studi scientifici che dimostrino l’esistenza del paranormale o della relazione dei cani con essi. Nonostante ciò, però, almeno il 45% degli americani crede nei fantasmi. Quindi per poco meno della metà degli abitanti degli Stati Uniti, la domanda “I cani possono vedere i fantasmi?” non riguarda il fatto che i fantasmi esistano, ma solo il fatto che i cani siano in grado di vederli o meno.

Cani e esseri umani non vedono nello stesso modo. Le persone sono più brave dei cani a percepire i colori e la chiarezza, ma i cani possono vedere il movimento meglio degli umani, anche in condizioni di scarsa illuminazione. Quindi, per chi crede nei fantasmi, è logico che i cani possano percepirli visto che vedono meglio al buio e che gli spiriti tendono a manifestarsi di più con il favore delle tenebre.

I cani, poi, hanno un miglior senso dell’olfatto, quindi c’è chi sostiene che siano in grado di percepire l’odore degli spettri. Certo, questo sempre se i fantasmi hanno un odore da sentire. La questione qui è un’altra. Molte persone sostengono che dopo la morte di un membro della famiglia il cane si siede spesso sulla poltrona preferita di questa persona defunta: secondo queste persone il cane percepisce la presenza dello spirito della persona defunta. In realtà, senza scomodare il paranormale, è più probabile che il cane percepisca ancora l’odore di quella persona.

Idem dicasi per l’udito: talvolta i cani sembrano rizzare il pelo e diventare attenti a qualcosa che noi non vediamo. Secondo i sostenitori dei fantasmi, i cani sarebbero maggiormente capaci di sentirli. E’ anche vero, però, che i cani possono percepire meglio di noi minime variazioni di movimento e temperatura che noi non cogliamo. Magari il cane è in attenzione perché ha udito un rumore insolito provenire dalla casa di fronte o perché ha visto muoversi sul muro un microscopico insetto, eventi che non non siamo in grado di percepire, ma lui sì.

Ricordiamoci poi che i cani reagiscono alle nostre emozioni. Se pensiamo di aver visto un evento paranormale e siamo eccitati o spaventati, anche il nostro cane, percependo che da noi arrivano queste emozioni, si adeguerà. In altri casi, invece, magari abbiamo rinforzato positivamente un comportamento del cane. Ipotizziamo che il cane si sia messo a fissare qualcosa nel vuoto: noi gli abbiamo dato attenzione pensano che lui stesse vedendo un fantasma (ma forse stava solo osservando un minuscolo ragnetto sul muro) e lui in futuro rimetterà in atto lo stesso comportamento in quanto noi lo abbiamo rinforzato.

Via | RD

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog