Petsblog Animali domestici Uccelli Come educare un pappagallo e correggere le sue cattive abitudini

Come educare un pappagallo e correggere le sue cattive abitudini

Come educare un pappagallo e correggere le sue cattive abitudini

Il mio pappagallo è maleducato; il mio pappagallo mi odia, mi becca sempre, è aggressivo, urla per tutto il giorno: cosa posso fare? Vi siete mai ritrovati in una situazione del genere? Qualche anno fa vi ho raccontato la storia di una donna dell’Arizona che, dopo aver salvato un gufo, ne è diventata l’ostaggio (potrete leggere questa incredibile vicenda qui in basso, sono certa che vi sorprenderà). Nel sentire le rimostranze di tanti padroncini mi è venuto in mente quello strano episodio.

Naturalmente la situazione è molto diversa. Il gufo è un animale selvatico, mentre i nostri pappagalli domestici vivono con noi ormai da molti anni. Nonostante ciò, potremmo ritrovarci alle prese con un pennuto un tantino “maleducato”.

Ma come educare un pappagallo e correggere i suoi cattivi comportamenti? Per scoprirlo, bisogna innanzitutto comprendere le ragioni dietro la sua condotta.

Comportamento del pappagallo: a cosa devi fare attenzione

Già qualche tempo fa abbiamo visto quali sono i possibili motivi per cui un pappagallo potrebbe odiarvi. Abbiamo visto che fra le possibili cause vi è – ad esempio – una gabbia non abbastanza grande, ma non solo. I problemi comportamentali nel pappagallo potrebbero essere dovuti anche ad altri fattori, come la paura ad esempio, o il suo atteggiamento territoriale, una mancanza di sonno (ricordate che un pappagallo ha bisogno di dormire almeno 10/12 ore a notte) o la presenza di una malattia. In tal caso, se pensate che possa essere questa la ragione, portate il piccolo dal veterinario per una visita di controllo.

Dopo aver escluso tutte le possibili cause e aver risolto le possibili problematiche sottostanti (grandezza della gabbia, adeguato numero di ore di sonno e così via), se il vostro pappagallo continua a fare i capricci e a comportarsi in modo “maleducato”, urlando, beccando e graffiando, allora sarà davvero il caso di correre ai ripari.

Come educare un pappagallo?

Ma a questo punto, come insegnare al pappagallo a non beccare e a comportarsi in modo più educato? Ecco una breve lista di consigli da mettere in pratica:

  1. Ignorare il pennuto quando si comporta male: avvicinandovi alla gabbia, parlando con lui e cercando di convincerlo a “fare il bravo”, non farete altro che dargli le attenzioni che cerca. Così facendo il piccolo capirà che urlando e facendo i capricci potrà avervi tutti per lui. Ignorate completamente il pappagallo (dopo esservi assicurati che non stia gridando per qualche problema di salute o per paura) finché non si calmerà autonomamente.
  2. Ricompensate il buon comportamento: quando si comporta bene, premiate il pappagallo con il suo snack preferito o con qualche lode e coccola extra.
  3. Assicuratevi che il pappagallo abbia dei giocattoli con cui giocare quando si trova in gabbia, in modo da tenere alla larga la noia.

Scoprite anche quali sono i 5 errori più comuni nella gestione di un pappagallo.

Foto di Joshua_Willson da Pixabay

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare