Petsblog Gatti Cosa vuol dire quando un gatto ti lecca la mano

Cosa vuol dire quando un gatto ti lecca la mano

Non è inusuale che il gatto di casa possa leccarci la mano, segno di affetto nei nostri riguardi, ma anche segnale di altra natura. Tra le altre cose, il gatto tende a leccare quello che vuole segnalare come di sua proprietà agli altri. Ma il marcarci con la saliva non è il solo motivo per cui la lingua del nostro Fuffy ci "coccola" le mani.

Cosa vuol dire quando un gatto ti lecca la mano

Fonte immagine: Pixabay

Non è un comportamento strano quando un gatto ti lecca la mano, un segnale che può avere un grande numero di cause e motivazioni. La prima è una dichiarazione di affetto, sta creando un legame sociale con te. Ma può anche darsi che ti stia marcando: con la saliva ed i suoi odori sta dicendo agli altri che tu gli appartieni.

Tra i vari modi che hanno i gatti per marcare territorio e oggetti di proprietà, va annoverato anche questo. Ma ci sono altri motivi per cui il tuo gatto ti lecca la mano, alcuni molto teneri e altri di tipo utilitaristico. Ma vediamo meglio quali sono le ragioni di questi atteggiamenti.

Gatto lecca mano
Fonte: Pixabay

Il perché i gatti leccano le mani

Ci sono almeno sei motivi diversi per cui un micio lecca la mano del suo umano. Uno lo abbiamo già accennato, è un marcamento di territorio, come quando il gatto fa la pasta e rilascia segnali odorosi agli altri. Un modo molto efficace, se ci sono più animali in casa, per dire che siamo di sua proprietà esclusiva.

Di norma i gatti lo fanno anche quando si strusciano con il muso, anche in questo caso lasciando saliva e pelo sull’oggetto o sul loro umano preferito. Ma il leccare la mano è anche un segno di affetto, infatti sin dall’infanzia il leccamento è segno di cura e coccole per il destinatario.

Lo fa mamma gatta ai suoi cuccioli, lo fanno i gatti tra loro da adulti. E sempre per reminescenze, il gatto ricorda anche che leccare è un aiuto contro ansia e stress: il che significa che se ci sta leccando la mano, è possibile che voglia tranquillizzarci e farci sentire la sua vicinanza. O che stia cercando di rasserenare sé stesso.

È anche possibile che il gatto ci stia pulendo, ancora una volta per ricalcare un comportamento che ha origine in fase di infanzia. Da piccoli i gattini sono accuditi da mamma gatta, che provvede ad insegnare le procedure di lavaggio. Da grandi è possibile che questo comportamento veda anche noi come destinatari del lavaggio.

Perché i gatti leccano le mani e poi mordono

Se affetto, allogrooming, sollievo dalla tensione e marcatura del territorio sono i quattro motivi standard di leccamento mani, ce ne sono un paio di altre che vedono talvolta anche l’uso dei denti. Non è anomalo infatti che il gatto lecchi e poi morda il suo umano. Ma perché lo fa?

  • Sta cercando di attirare la attenzione – Che sia per ricordarci che è ora di mangiare, o per altri motivi, questo atteggiamento che è maggiormente frequente nei cani, talvolta si può verificare anche nei gatti. Il micio di casa adopera ogni tipo di strategia per avere il nostro interesse e farci capire di cosa ha bisogno.
  • Ci sta assaggiando – No, stiamo tranquilli, il gatto non è un pitone e non sta cercando di mangiarci alla prima occasione. Ma evidentemente sulle nostre mani ci sono odori per lui interessanti, magari di cibo a lui gradito. In questi casi si parte con la leccata rasposa a cui siamo abituati e si passa anche al morso.

In tutte queste situazioni il micio sta seguendo i diktat istintivi, ma se notiamo un comportamento compulsivo o non vogliamo avere a che fare con le sue ruvide papille gustative, dovremo agire per dissuaderlo. Nel primo caso segnaliamo il problema al veterinario, per capire se il leccamento costante sia derivato da un disagio fisico o ansiogeno.

Nel secondo caso, si può distrarre Fuffy quando prova a leccarci la mano, indirizzando la sua attenzione su qualcosa di diverso. A volte bastano anche le semplici coccole. Ma occhio, facciamo in modo che non lo interpreti come un dare e ricevere, o ci ritroveremo a subire leccate non gradite per ottenere le carezze che sua maestà, il gatto, desidera.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social