Poezenboot, la casa dei gatti di Amsterdam

Poezenboot di Amsterdam, rifugio galleggiante per gatti

Se passate a Amsterdam, non dimenticatevi di andare alla Poezenboot, una barca dove potrete trascorrere il tempo accarezzando i gatti.

Fra i canali di Amsterdam, troverete anche la Poezenboot: si tratta di una barca che è diventata un rifugio per gatti randagi e abbandonati. Grazie alla sua peculiarità di rifugio galleggiante per animali in difficoltà, proprio la Poezenboot è una meta molto visitata dai turisti che qui possono passare ore e ore ad accarezzare i gatti. E' da 50 anni che Poezenboot tiene al sicuro i gatti, sin da quando venne fondata nel 1968 da Henriette van Weelde. Da allora, grazie anche all'ausilio di numerosi volontari, Poezenboot è diventata un'organizzazione benefica. Chi vuole aiutare o adottare un gatto è sempre il benvenuto, così come anche i turisti che vogliono fare due coccole ai gatti sul fiume.

Poezenboot, il rifugio galleggiante dei gatti di Amsterdam

L'ingresso a Poezenboot è a offerta libera, si può accedere tutti i giorni dalle ore 13 alle ore 15, esclusi il mercoledì e la domenica. Visto che si parla di una barca, si può salirvi pochi per volta, quindi aspettatevi delle code. Non è prevista prenotazione, ma sarete ricompensati dalle fusa e dalle testate affettuose dei numerosi gatti che vivono su questa barca galleggiante.

Attualmente sono 50 i gatti che vivono sulla Poezenboot, di cui 14 vivono permanentemente qui. I soldi ricavati vengono poi devoluti alla tutela dei gatti randagi di Amsterdam. Non solo turisti, ma anche personaggi celebri frequentano la Poezenboot. Per esempio, il fotografo Muhammed Muheisen, vincitore del premio Pulitzer, quest'anno ha passato una settimana insieme ai gatti sulla barca. Se volete ulteriori informazioni per quanto riguarda le visite alla Poezenboot, non dimenticatevi di consultare il sito ufficiale di questo rifugio galleggiante per gatti.

Via | La Stampa

Foto | https://www.microtoerisme.nl [CC BY-SA 3.0 ], from Wikimedia Commons

  • shares
  • Mail