Zoo rimuove artigli a leonessa per un motivo assurdo

Un episodio agghiacciante è avvenuto in uno in uno zoo di Rafah, dove a una leonessa sono stati strappati gli artigli per fare in modo che i bambini potessero giocare con lei.

Spesso la razza umana riesce a compiere atti incredibilmente disumani, e non lo fa solamente contro gli animali, ma contro la natura, e contro i membri della sua stessa razza. Davvero agghiacciante è quanto accaduto nei giorni scorsi in un zoo di Rafah, città palestinese nella Striscia di Gaza, dove una leonessa di soli 14 mesi ha subito un trattamento davvero orribile. Come potete vedere nel video, l’animale è stato infatti costretto a subire un’operazione (se così può essere definita), a causa della quale è stata letteralmente privata dei suoi artigli.

Il tutto utilizzando una pinza, in mezzo alla polvere, senza sedazione, solo con un leggero tranquillante per farla stare buona, con un pezzo di stoffa sulla faccia e schiacciata a terra da un uomo che la teneva ferma. Una scena davvero incommentabile, alla quale hanno assistito giornalisti e visitatori dello zoo, bambini compresi.

Questo crudele atto, del resto, è stato fatto proprio per dare in modo che i bambini possano avvicinarsi e giocare con la leonessa. Quest'ultima è subito apparsa angosciata dopo l'assurda operazione, ha cercato di grattare un palo del recinto, senza riuscirci, dal momento che le erano stati strappati gli artigli.

A commentare la vicenda (in una maniera incredibilmente e assurdamente serena) è stato il veterinario dello zoo, che avrebbe fatto sapere:

Gli artigli sono stati tagliati per permettere ai visitatori di giocare con lei. Vogliamo portare sorrisi e felicità ai bambini, aumentando il numero di visitatori del parco, che soffre di spese elevate.

via | La Stampa

  • shares
  • Mail