Vomito nel cane, cosa fare? Cause e terapia

Su segnalazione di una nostra amica su Facebook, oggi parleremo di vomito nel cane. Discuteremo delle cause più frequenti, di come distinguere il vomito dal rigurgito, quali terapie sono consigliate, ma soprattutto di cosa fare: come si deve comportare il proprietario in caso di vomito del cane? Cosa fare e, soprattutto, cosa non fare?

Prima di tutto se il cane vomita una volta, succhi gastrici, ma è vispo, vivace, mangia, il vomito non presenta sangue, le feci sono normali e succede solo ogni tanto, non bisognerebbe allarmarsi troppo. Certo, una visita dal veterinario non fa male, tuttavia se è stato un episodio isolato, non disperatevi subito. Diverso invece il caso in cui il vomito è ripetuto nella giornata, il cane è mogio, non mangia, non produce feci, compare del sangue: in questi casi urge una visita dal veterinario.

Cucciolo pittbull con bandana

Un consiglio: non portate il cane dal veterinario dopo tre giorni di vomiti continui e costanti, anoressia, con cane abbattuto, dovete portarlo subito in questi casi. Un conto è un singolo episodio, un altro conto sono tre giorni in cui il cane sta male a questi livelli: rischiate di perdere il cane per assecondare il mito 'Magari domani gli passa'. Magari domani è troppo tardi, giusto?

Differenza fra vomito e rigurgito

Prima di tutto dovete capire se il cane ha rigurgito o vomito. Il primo è meno grave, ma se si ripresenta spesso potrebbe essere indice di patologie a livello esofageo o di masse che comprimono a livello del torace. Il succo del discorso non cambia: un episodio non deve allarmare, episodi ripetuti e frequenti richiedono una visita veterinaria.

Il rigurgito normalmente avviene immediatamente dopo l'ingestione del cibo, il materiale ingerito viene buttato nuovamente fuori praticamente intonso, non è stato digerito perché appena arrivato allo stomaco è stato subito espulso. Nel rigurgito di solito sono assenti segni di nausea (salivazione, leccamento ossessivo delle labbra, ansia, agitazione), non ci sono i conati, non c'è bile.

Nel vomito, invece, abbiamo nausea, conati, può esserci presenza di bile e di sangue, sia digerito che indigerito. Anche qui dobbiamo distinguere però: una lieve striatura di sangue potrebbe essere dovuta alla rottura dei capillari di superficie causata dagli sforzi di vomito. La presenza di una pozza di sangue, invece, parrebbe suggestiva o di un'ulcerazione o di un avvelenamento da rodenticidi per esempio.

Cause del vomito

Premettiamo che le cause di vomito nel cane sono tantissime, noi elenchiamo quelle più frequenti:


  • chinetosi (mal d'auto)
  • sostanze tossiche ingerite
  • farmaci (in realtà quasi tutti possono provocare vomito, quelli che li causano più spesso sono digossina, chemioterapici, tetracicline. Occhio a non confondere il cane che sputa la compressa perché non gli garba con il vomito)
  • ostruzione gastroenterica (corpi estranei, stenosi del piloro, neoplasie, malattie infiltranti, dilatazione/torsione dello stomaco, torsione/volvolo/intussuscezione intestinale)
  • gastrite acuta/cronica con o senza ulcere
  • enterite da Parvovirus, parassitoti, gastroenterite emorragica, colite, peritonite, pancreatite sia acuta che cronica
  • uremia da insufficienza renale, morbo di Addison, ipercalcemia, lesioni epatiche, chetoacidosi diabetica
  • eccessiva ingestione di cibo
  • ipomotilità idiopatica
  • malattie del SNC (epilessia, tumori, meningiti)

  • cause comportamentali

Terapia e cura


Cane radiografia con mezzo di contrasto

La terapia del vomito nel cane dipende dalla causa: sarà il vostro veterinario a stabilire l'eziologia e a determinare la cura più giusta. In alcuni casi l'iter diagnostico è immediato, ma in altri sono richiesti diversi esami prima di riuscire a capire la causa. Come avete potuto vedere, la lista di cause è infinita e se una dilatazione/torsione è immediatamente riconoscibile, una stenosi del piloro, forme infiltrative, morbo di Addison e affini richiedono qualche accertamento in più.

La terapia si baserà su farmaci sintomatici per ridurre l'acidità dello stomaco, antibiotici se si sospetta una qualche forma infettiva, antiparassitari interni se la causa è da riscontrarsi in una verminosi, ma anche in farmaci specifici che curino alcune delle patologie elencate.

Se il vomito è frequente, con abbattimento e disidratazione, molto probabilmente verrà instaurata anche una fluidoterapia per reidratare il cane. Normalmente si procede in questo modo: si danno farmaci sintomatici, si stabilizza il paziente e se il vomito acuto non risponde alla terapia si procede con tutte le indagini diagnostiche del caso. E starà al vostro veterinario decidere quali siano più indicate per il vostro caso.

Cosa fare in caso di vomito


Cane che mangia

Veniamo ora alla parte che interessa forse di più i proprietari: cosa fare in caso di vomito nel cane? Beh, correre dal veterinario deve essere la prima opzione. Tuttavia in attesa della visita, potete cominciare a fare qualcosa. Prima di tutto se il cane vomita ripetutamente togliete il cibo: se mangia e vomita di continuo, la situazione è controproducente. Stesso discorso per l'acqua: è vero che se il cane non beve si disidrata, ma quando si vomita si ha una sete terribile, quindi bevi di più, dilati lo stomaco che già era irritato di suo e rivomiti subito. Più vomiti, più hai sete, più bevi, più vomiti: è un serpente che si morde la coda. In questi casi bisogna razionare l'acqua: poca e spesso, in modo da essere sicuri che il cane la trattenga.

Non fare mangiare erba al cane che vomita. E' vero che il cane che sente di avere lo stomaco disturbato cerca l'erba per vomitare e questo va bene se il vomito si limita ad un singolo episodio. Ma in caso di vomiti ripetuti, più erba mangia il cane, più lo stomaco si irrita, più il cane vuole mangiare erba e siamo di nuovo al serpente che si morde la coda.

Vale sempre la raccomandazione di non agitarsi davanti al cane: già il povero cucciolo sta poco bene, se ancora sente l'ansia del proprietario, la sua pena, la sua agitazione, ai abbatterà ancora di più.

Cosa non fare in caso di vomito


Cane che beve latte

Ed ecco le cose da non fare in caso di vomito del cane:


  • il fai-da-te: evitate di fare farmaci veterinari o umani a casaccio se non è stato il veterinario a prescriverli per quel determinato episodio. Il fatto che un anno prima vi sia stato prescritto un antiemetico, non vuol dire che vada bene per tutti i casi di vomito del vostro cane, magari la situazione adesso è diversa. Inoltre alcuni farmaci possono essere pericolosi a seconda della causa del vomito. Volete un esempio? Se ho un cane che vomita per un corpo estraneo intestinale e gli do della metoclopramide, noto farmaco antiemetico, rischio la perforazione intestinale. Perché? Beh, perché è un procinetico, aumenta in lieve misura la motilità intestinale, ma se l'intestino è bloccato la parete stimolata dalla metoclopramide si lacera
  • ascoltare i consigli dati in buona fede: stesso discorso di sopra, per quanto il vostro vicino di casa, il salumiere, il tizio incontrato al parco per caso, l'allevatore, il farmacista da sempre abbiano tenuto cani, non sono veterinari, quindi evitiamo di utilizzare rimedi impropri e potenzialmente dannosi che complicano la vita al cane, al veterinario e a voi. Per quanto siano consigli benintenzionati, non sono dati da professionisti del settore: vi fareste riparare i freni della macchina dal panettiere? No. E allora perché far curare il cane da tutti tranne che dal veterinario?
  • non dare il latte: il cane vomita, ergo ha ingerito un veleno, ergo gli do il latte come antidoto. Ehm, il latte è riferito al solo avvelenamento da piombo, per tutto il resto mi peggiora solamente la sintomatologia

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria.

Foto | Fugzu - _tar0 - CaptainGado - https://petadviser.com

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: