Capire come parla un cane (2)


Vi è mai capitato di essere svegliati dal latrato di un cane o dal suo abbaiare persistente? In quei casi, a meno che il cane non sia vostro, difficilmente ci si alza per vedere cosa succede ma, spesso, sarebbe il caso di farlo. Se avete un cane da qualche tempo avrete quasi imparato a capire i differenti tipi di abbaio e saprete cosa parra per la testa del cane. Ci sono cani che abbaiano più spesso di altri, come i terrier e altri che abbaiano meno spesso come, strano a dirsi, i cani da guardia o da difesa che abbaiano solo quando percepiscono uno stato di minaccia per il loro territorio o per il loro "branco". C'è, addirittura, un tipo di cane, il basenji, che non può abbaiare.

Il primo verso che i cani imparano a fare è il ringhio. Attenzione però, non sempre è sinonimo di aggressività. Avevo un boxer di 50kg che mi ringhiava contro quando, dopo 20 minuti di lotta per terra, mi alzavo mentre lui voleva continuare a giocare! Il ringhio è spesso giocoso, allegro e vuole invitarci ad iniziare (o continuare) a "fare casino". Ovviamente il ringhio è anche un segnale di avvertimento e, se abbinato ai denti digrignati e la coda ferma vuol dire che il cane è pronto ad attaccare.

A meno che non abbiate un siberian husky o un'altra razza di cane nordico difficilmente sentirete il vostro quattrozampe ululare. Di solito lo fanno i cani da muta proprio per tenere unito il branco (tipo nelle tormente) ma se lo fà il vostro cane vi conviene prestargli attenzione perchè è un forte segnale di stress. In fondo i cani sono come bambini, bisognosi di attenzione e di coccole.

Via| Animalweb
Foto| Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: