A San Francisco pensano di vietare la vendita degli animali

Chi di voi è stato a San Francisco probabilmente si è reso conto di quanto sia una città all'avanguardia su moltissime cose. Se parliamo, poi, dell'amore che questa città ha nei confronti degli animali si può dire, senza timore di esagerazione, che è probabilmente la città più "pet-friendly" del pianeta.

Sapevate, ad esempio, che negli anni ottanta ha aperto il Maddie’s Pet Adoption Center? Questo centro è una sorta di rifugio a cinque stelle dove i cani hanno box spaziosi, una palestra per mantenersi in forma, stanze per socializzare e altre cose del genere. In questo rifugio i cani vengono "venduti", ovviamente ad un prezzo simbolico per un motivo semplicissimo: i soldi che vengono raccolti servono a dare servizi migliori sia agli ospiti del centro che cure veterinarie a basso costo a quelle persone che non hanno i soldi sufficienti per curare il proprio cane (come, ad esempio, gli anziani).

Beh, San Francisco ha deciso che questo piccolo miracolo non era abbastanza e sta valutando l'ipotesi di vietare la vendita di qualsiasi animale domestico che esso sia cane, gatto, pesce, uccello, rettile o cos'altro. La cosa è molto seria perché solo la città di San Francisco conta oltre settecentomila persone. Chi ha ideato questa proposta di legge mira a contrastare l'abbandono degli animali e a favorirne l'adozione. Tra chi è contrario a questa iniziativa c'è, nemmeno a dirlo, chi con gli animali ci guadagna, il giro di affari per negozianti e allevatori è di circa 45 milioni di dollari l'anno, e chi teme che, in questo modo, le razze di cani finiranno per estinguersi creando un unico ed immenso "miscuglio" di meticci. Voi come la pensate?

Via| Libero news
Foto| Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: