Pancreatite acuta nel cane e fattori prognostici negativi

Pancreatite acuta nel cane e fattori prognostici negativi

La pancreatite acuta nel cane è una patologia grave. Ma ci sono alcuni fattori prognostici negativi da tenere in considerazione.

Che la pancreatite acuta nel cane (o nel gatto) sia una patologia grave, lo abbiamo detto già più volte. Purtroppo a volte i proprietari non si rendono conto di quanto sia seria come malattia, anche parole come prognosi riservata o complicanze gravi non riescono a far intendere quanto sia preoccupante la situazione. Il tasso di mortalità in corso di pancreatite acuta nel cane è molto alto, soprattutto se ci sono determinati fattori prognostici negativi.

Lo studio dal titolo “Development and validation of a novel clinical scoring system for short-term prediction of deathin dogs with acute pancreatitis”, Fabrès V, et al. J Vet Intern Med. 2019 Mar;33(2):499-507 ha cercato di riassumere quali siano questi indici predittivi di morte, spesso precoce, nel cane con pancreatite acuta.

Pancreatite e insufficienza renale acuta nel cane

Pancreatite acuta nel cane: attenzione a questi fattori prognostici negativi

La ricerca in questione è stata realizzata tramite uno studio retrospettivo che ha esaminato le cartelle cliniche di cani con diagnosi di certezza di pancreatite acuta. Si è così visto che, in corso di pancreatite acuta, il tasso di mortalità entro 30 giorni dalla diagnosi, era del 33%. Il che vuol dire che un cane su tre con questa patologia muore, anche se sottoposto alle opportune cure.

Quattro sono stati i fattori di rischio che indicano che quel cane con infiammazione acuta del pancreas abbia maggiori probabilità di morire in breve tempo:

Cosa vuol dire?

Questo vuol dire che se ho un cane con pancreatite acuta e, contestualmente, compaiono uno o più di questi sintomi (SIRS, problemi di coagulazione, aumento della creatinina o ipocalcemia), ecco che è più probabile che quel cane muoia. Solitamente in corso di pancreatite acuta si ha spesso un aumento della creatinina, ma non bisogna sottovalutare anche la presenza degli altri indici.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Via | Onlinelibrary.wiley

Foto di NI MAX da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog