Petsblog Cani Salute cani Come realizzare uno shampoo per cani fatto in casa

Come realizzare uno shampoo per cani fatto in casa

Per realizzare uno shampoo per cani fatto in casa non servono ingredienti difficili da reperire in giro. Ma occhio, perché in caso di esigenze specifiche di cute e pelo, è possibile che il veterinario dia indicazioni diverse per i lavaggi. Se però il professionista è d'accordo, possiamo sostituire i detergenti commerciali, spesso aggressivi, con saponi più naturali e delicati sulla pelle.

Come realizzare uno shampoo per cani fatto in casa

Fonte immagine: Pixabay

Fare uno shampoo per cani in casa non è difficile, anzi, è possibile anche personalizzare ogni ricetta per venire incontro alle esigenze di Fido. Se infatti in commercio esistono detergenti di ogni genere, nella maggior parte dei casi si tratta di saponi aggressivi e non sempre adatti a cute e manto dei nostri amici.

Se però il veterinario ci suggerisce uno shampoo commerciale perché ritiene sia più adeguato per il nostro pet, il consiglio del professionista ha la precedenza. Ma se invece è d’accordo con metodi di lavaggio più casalinghi, di ricette per detergenti semplici e delicati ne possiamo trovare ovunque.

L’ultima parola, tuttavia, spetta a Fido. Il suo naso potrebbe non apprezzare troppo alcuni aromi, anche se trattasi di ingredienti naturali. In questo caso non demordiamo, ma solo passiamo ad un altro tipo di preparazione, che magari risulti più gradita al nostro amico di zampa.

Il rituale del bagno è spesso già di suo non sempre apprezzato dai nostri cani, ma se ci aggiungiamo profumi che non tollerano, il momento dei lavaggi diventa quasi tragico. Per questo, se i nostri pet hanno delle preferenze, anche olfattive, non sottovalutiamo l’idea di assecondarle, così da rendere meno traumatico il momento.

Shampoo per cani
Fonte: Pixabay

Shampoo per cani rinfrescante delicato

In caso di pelle secca e spesso irritata, la farina di avena è un toccasana, in grado di donare sollievo anche da eventuali pruriti da dermatite. Si usa questo ingrediente anche in umana, per i lavaggi dei neonati. Ma si può anche adoperare come ingrediente per shampoo da cani, per una pulizia delicata e rinfrescante.

Ci serviranno:

  • 1 tazza di farina di avena
  • 1 tazza di bicarbonato di sodio
  • 4 tazze di acqua calda

La prima cosa da fare è frullare l’avena fino a renderla una farina sottile, che mescoleremo agli altri due ingredienti in una ciotola capiente. Si dovrà formare una pasta morbida, più densa rispetto ai comuni saponi. La dovremo massaggiare sul vello umido del cane e lasciare agire una decina di minuti prima di sciacquare.

Il modo più adeguato per non stressare Fido è di ingannare l’attesa con qualche coccola o con piccoli snack, che renderanno meno pesante il momento del bagno.

Shampoo per cani disinfettante e lucidante

In questo caso adopereremo l’aceto di mele per disinfettare la cute e anche lucidare il manto, con un’aggiunta di shampoo neutro per bambini. Il naso di Fido potrebbe storcersi a fiutare l’aceto, se anche quello di mele sia meno pungente di quello di vino bianco. Se accade, le dosi possono essere modificate aggiungendo più shampoo o acqua.

Ci serviranno:

  • 1 litro di acqua
  • 1 tazza di aceto di mele
  • 1 tazza di shampoo neutro per bambini

Gli ingredienti dovranno essere amalgamati in una ciotola e poi adoperati per il lavaggio su cute inumidita. In questo caso, rispetto alla ricetta di prima, avremo più schiuma, vista la presenza dello shampoo neutro. La soluzione va massaggiata su cute e pelo e sciacquata via con cura.

Shampoo secco per cani

Se abbiamo portato Fido in vacanza e non possiamo toelettarlo con acqua e sapone, lo shampoo secco ci viene in aiuto. Ma per eliminare le tracce di sebo e polveri, è nostra cura avere a portata di mano almeno una spazzola. Ma una volta tornati a casa, via libera ad un bagno come si deve, che aiuterà ad eliminare ogni residuo di sporco.

Ci serviranno:

  • 1 tazza di bicarbonato di sodio
  • 1 tazza di amido di mais
  • Poche gocce di olio essenziale di limone

In una coppa mescoliamo gli ingredienti, mettendo le gocce di olio essenziale solo alla fine, per rendere la soluzione più aromatica. Ma anche per approfittare del potere disinfettante delle essenze. L’olio essenziale di limone, come anche quello di chiodi di garofano, aiutano non solo a profumare il pelo ma anche a tenere le pulci lontane.

Le polveri andranno sparse sul manto del cane, magari aiutandoci con un vecchio contenitore vuoto di borotalco, massaggiate, poi asportate con una spazzola a setole morbide. È importante questa fase, perché i residui di soluzione possono appesantire la pelle e non lasciarla respirare.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come si fa a capire se un cane ha la displasia?
Salute cani

Come capire se il cane ha la displasia? Fermo restando che la diagnosi la può fare il veterinario (o il veterinario ortopedico) a seguito di visita clinica e studio radiografico, ecco che come proprietari potreste notare alcuni sintomi che potrebbero farvi pensare che il cane possa avere un problema di displasia dell’anca o del gomito