Petsblog Gatti Il cioccolato fa male ai gatti?

Il cioccolato fa male ai gatti?

Il cioccolato fa male ai gatti? E quando è il caso di chiamare il veterinario? Se il tuo gatto ha mangiato della cioccolata, è sempre saggio contattare il medico. Proprio come per i cani, anche per i gatti il cioccolato è un alimento tossico e potenzialmente letale. Alcune varietà di cioccolato, tra l'altro, sono più pericolose rispetto ad altre.

Il cioccolato fa male ai gatti?

Fonte immagine: Pixabay

Sappiamo tutti che i cani non possono mangiare cioccolato. Anche una minima quantità può avere effetti letali per i nostri amici a quattro zampe, ma che dire dei gatti? Il cioccolato fa male ai gatti, o i nostri felini possono gustarne senza problemi qualche pezzettino di tanto in tanto? Sapere quali sono gli alimenti che fanno male ai gatti, e quindi da non tenere a portata di zampa, è sempre importante.

Ebbene, devi sapere che il cioccolato rientra proprio nella lista di questi alimenti. Fondente, al latte, con le nocciole o con le mandorle: qualsiasi tipo di cioccolato può causare conseguenze gravi per i nostri animali domestici, specialmente se il micio dovesse assumerne in grandi quantità.

Ecco perché è sempre importante evitare di far cadere del cioccolato per terra se c’è un gatto nelle vicinanze, ed evitare di far avvicinare il piccolo ladruncolo alla scatola di cioccolatini.

Ma che succede se un gatto mangia il cioccolato?

Scopriamo perché cioccolato e cioccolatini fanno male ai gatti, quali sono i sintomi da riconoscere e come comportarsi se il tuo micio è riuscito a mettere le zampe sulla tua scorta segreta di cioccolata.

Perché il cioccolato fa male ai gatti?

Abbiamo appurato che, si, il cioccolato fa male ai gatti, proprio come fa male ai cani e a tanti altri animali. Ma qual è la sostanza che può mettere in pericolo la salute dei nostri pets?

Le principali indiziate sono la teobromina e la caffeina: si tratta di due sostanze eccitanti contenute nel cioccolato, che possono provocare effetti tossici negli animali. Cani e gatti, infatti, metabolizzano queste sostanze più lentamente rispetto a noi umani, e ciò può comportare conseguenze gravi e talvolta persino fatali.

La quantità di teobromina presente nel cioccolato, peraltro, può variare molto in base alla tipologia: il cioccolato fondente, ad esempio, ne contiene in maggiori quantità rispetto al cioccolato al latte. Per cui, un’intossicazione da cioccolato nel gatto può risultare più grave se il micio ha consumato quello fondente.

Quanto cioccolato fa male al gatto?

Oltre al tipo di cioccolato (fondente o al latte), anche la quantità assunta è molto importante. Anche pochi grammi (circa 5-10 gr) possono causare reazioni avverse gravi nei gatti.

La buona notizia è che, a differenza dei cani, di solito ai gatti non piace particolarmente il sapore del cioccolato, specialmente quello fondente, per cui è più improbabile che possano consumarne in quantità importanti.

Oltre alla caffeina e alla teobromina, questo alimento può contenere anche altri ingredienti tossici per cani e gatti, come lo xilitolo, un dolcificante che può mettere in pericolo la vita dei tuoi animali domestici.

Sintomi di intossicazione da cioccolato nel gatto

Fonte: Pixabay

Ma come capire se il gatto ha mangiato cioccolato? Di solito, i sintomi di un avvelenamento da cioccolato nel gatto si manifestano nell’arco di 6-12 ore dopo l’ingestione.

Se sospetti che il micio abbia assaggiato del cioccolato, sarà importante non temporeggiare. Non aspettare che compaiano i sintomi, porta al più presto il micio dal veterinario. I sintomi di un’intossicazione da cioccolato possono includere:

  • Diarrea
  • Vomito
  • Mal di pancia
  • Scarso appetito
  • Agitazione
  • Bere più del solito
  • Tachicardia
  • Febbre
  • Respiro corto.

Se il gatto ha mangiato molto cioccolato, potrebbero manifestarsi delle conseguenze molto gravi, come un rapido calo della pressione sanguigna, infarto, convulsioni e coma.

Cosa fare se il gatto ha mangiato cioccolato?

Il mio gatto ha mangiato cioccolato: cosa posso fare? Per prima cosa, non cercare di far vomitare il gatto con trucchi ed espedienti trovati su internet, rischieresti solo di peggiorare la situazione. Se pensi che il tuo gatto abbia fatto una scorpacciata di cioccolato, agisci in fretta. Contatta il veterinario e chiedi come comportarti.

Informa il veterinario in merito al tipo di cioccolato ingerito, la quantità e da quanto tempo è avvenuta l’ingestione.

Probabilmente il medico ti consiglierà di portare l’animale in ambulatorio, dove potrà visitarlo ed eseguire i necessari accertamenti.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Che carattere hanno i gatti Siamesi?
Gatti

Che carattere hanno i gatti Siamesi? Di sicuro non quello che Walt Disney gli ha attribuito nel film di animazione Lilli e il Vagabondo. Vediamo dunque il carattere dei gatti Siamesi secondo quanto riferito dallo standard di razza e anche il carattere di eventuali incroci di Siamese