Scoperta una nuova specie di felino in Corsica, il gatto-volpe

In Corsica è stato scoperto un felino appartenente a una specie fino ad ora sconosciuta, ovvero il “gatto-volpe”.

In Corsica sarebbe stato da poco scoperto un animale appartenente a una specie fino ad ora considerata sconosciuta. Stiamo parlando del gatto-volpe ("Ghjattu volpe" in dialetto corso), un animale che è stato identificato dai membri dell’Ente Nazionale per la Caccia e Natura Selvaggia francese (ONCFS), i quali lo hanno catturato senza arrecargli alcun danno, e lo hanno esaminato più da vicino, per poi rimetterlo in libertà.

Il felino assomiglierebbe molto a un gatto domestico, ma ha anche delle caratteristiche che lo accomunano a una volpe, come il colore rossiccio, i baffi corti, le orecchie larghe e delle zanne ben sviluppate.

L’animale ha il pelo liscio che lo protegge da pulci e parassiti, è lungo 90 centimetri e conduce una vita notturna, come ogni felino che si rispetti. Insomma, si tratta di caratteristiche che fanno pensare a un animale a metà tra il gatto e la volpe (da qui il nome con cui è stato ribattezzato dagli esperti). Il gatto-volpe abita nelle foreste del nord della Corsica, dove sin dal 2016 i ranger hanno catturato ed esaminato circa sedici esemplari. Pierre Benedetti, uno dei ricercatori che ha esaminato l’animale, ipotizza che il gatto-volpe possa essere stato portato in Corsica dai contadini 6500 anni prima di Cristo.

Se questa ipotesi è vera, le sue origini sono medio-orientali

spiega l’esperto, il quale aggiunge però che l’identità e le caratteristiche esatte di questo animale devono ancora essere scoperte.

via | Repubblica, RaiNews

  • shares
  • Mail