L'asma nel gatto: cause, sintomi e terapia

Grazie alla segnalazione del nostro utente Manuel, oggi andremo a parlare di asma nel gatto, una malattia assai diffusa fra i nostri mici, scoprendone cause, sintomi e terapia. Prima di tutto è una patologia nota come asma felina, asma dei gatti, bronchite cronica, asma bronchiale o anche bronchite allergica. Questo perché comprende sia problemi di natura allergica che infiammatori cronici.

In pratica, l'asma felina è una malattia che coinvolge le vie aeree inferiori del gatto, provocando ostruzione dei dotti bronchiali più piccoli, sia tramite la loro contrazione, sia tramite la presenza di eccessive secrezioni che li occludono. Il risultato è comunque il fatto che l'aria non riesce a passare e quindi il gatto avrà seri problemi di ossigenazione.

Gatto sul tetto

Cause


Gatto asma felina

Fondamentalmente alla base dell'asma felina c'è una predisposizione genetica. In questi gatti la continua inalazione degli allergeni spesso responsabili delle crisi, provoca poi i sintomi. Il problema è che l'asma è una patologia progressiva, curabile, ma non guaribile, che significa che con la terapia posso migliorare la sintomatologia delle crisi, ma che non posso impedire del tutto alle crisi di ripresentarsi.

Sintomi


Gatto rannicchiato

I sintomi classici dell'asma nel gatto sono:


  • tosse: mentre nel cane la tosse spesso è associata a patologie cardiache, nel gatto è quasi sempre indice di asma felina. Tipica la posizione del gatto rannicchiato, che inizia a tossire contraendo in maniera evidente l'addome, estendendo la testa, quasi a simulare un vomito, ma non è produttivo. Di solito i proprietari tendono a confondere la tosse con il vomito. Si tratta di una tosse secca, raramente si ha espettorazione, al massimo di poche secrezioni

  • dispnea: difficoltà di respirazione, con frequenza aumentata e forte discordanza fra la fase inspiratoria e quella espiratoria. Si parla di fame d'aria, con gatto che respira a bocca aperta: nel cane la respirazione a bocca aperta è normale, nel gatto è sempre patologica. A meno che non sia fortemente spaventato

  • starnuti: raramente una serie di starnuti non produttivi, ricorrenti, possono essere un primo indizio di asma felina

La cosa da tenere a mente è che i sintomi dell'asma felina sono ricorrenti e periodici. Se la patologia è particolarmente grave o il gatto non viene tempestivamente portato dal veterinario, a lungo andare si possono avere danni polmonari permanenti, come bronchiectasia (dilatazione irreversibile dei bronchi) e enfisema polmonare (distruzione delle pareti degli alveoli polmonari con loro dilatazione). Potete facilmente intuire che se si arriva a una di queste due evenienze, ecco che anche la normale terapia per l'asma felina non servirà a molto.

Diagnosi


Gatto veterinario

La diagnosi di asma felina è primariamente clinica: se hai un gatto con tosse, in posizione rannicchiata è probabile che si tratti di asma. Si possono poi fare delle radiografie al torace, anche se a volte tutto quello che trovi è una radiotrasparenza aumentata, mentre altre hai radiopacità interstiziale o alveolare. Significa in pratica una trama polmonare più evidente.

Se la patologia è andata avanti, allora si potrebbe trovare anche enfisema polmonare o ingrossamento secondario del cuore. Se infatti il polmone del gatto non respira bene, anche il cuore alla lunga verrà danneggiato.

È importante fare le radiografie in caso di sospetta asma felina non responsiva ai trattamenti, perché in effetti la tosse in alcuni casi potrebbe anche essere causata da forme di polmonite o neoplasie al polmone. In alcuni gatti con asma felina è stata riscontrata anche eosinofilia periferica, ma non in tutti. Quindi la sua assenza non significa che il gatto non abbia questa patologia.

Cura e terapia


Deodoranti ambientali

Fondamentalmente la terapia dell'asma felina si basa sulla somministrazione di cortisonici e di broncodilatatori in fase acuta, il cui dosaggio andrà concordato con il proprio veterinario tenendo conto della gravità della situazione, dell'età del soggetto e del suo stato. Il cortisone potrà essere somministrato anche tramite aerosol, ma qui molto dipenderà dall'indole del gatto in questione.

A questo proposito, segnaliamo come molti proprietari, giustamente, non siano contenti della somministrazione periodica di cortisonici in quanto, come è noto, hanno diversi effetti collaterali. Purtroppo esistono patologie come questa in cui la terapia è proprio il cortisone, come sanno benissimo le persone che soffrono di asma. Inoltre bisogna considerare che soprattutto i gatti hanno un'alta soglia di tolleranza all'uso dei cortisonici utilizzati anche su lungo tempo.

Utile poi sarebbe eliminare dall'ambiente in cui vive il gatto tutti gli antigeni che possono scatenare la patologia, anzi, questo è fondamentale. E' ovvio che se il gatto vive in una casa di fumatori, posso dargli tutto il cortisone che voglio, ma l'asma continuerà come prima. Ecco dunque cosa andrebbe eliminato in una casa con gatto asmatico:


  • via tutti i deodoranti ambientali, di qualsiasi natura e genere

  • via tutti i vari pout pourri, candele profumate e affini

  • via i deodoranti per armadi

  • via il fumo di sigaretta

  • limitare al bagno l'uso di deodoranti per persona e lacche per capelli, ricordandosi di arieggiare il locale ogni volta che si usano

  • attenzione alle lettiere polverose e di scarsa qualità

  • attenzione agli spray antipulci

  • via le piante profumate

  • non utilizzare detergenti per pavimenti e stoviglie profumati

  • occhio anche agli allergeni alimentari

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria.

Foto | Laura Brunow Miner - Marius Dollinger - Whitassociates - Jeffrey Beall - Moyan_Brenn

  • shares
  • Mail