Cane cieco ritrova la strada verso casa per Natale

Probabilmente sarà che, in questo periodo dell'anno, ci sono notizie che fanno più "scalpore" di altre perché risultano più "magiche" del solito. Una di queste magiche notizie è quella accaduta in Alaska meno di quindici giorni fa. Inutile farvi presente quali sono le terribili condizioni meteorologiche dello stato americano, soprattutto in questo periodo dell'anno. Beh, il tredici dicembre scorso, nel bel mezzo di una tormenta di neve, Abby, una cagnolina meticcia di otto anni, si è persa. Abby, purtroppo, è anche cieca e, in tutto quel trambusto, non riusciva a tornare a casa dalla sua famiglia.

La cagnolina ha vagato per chilometri, purtroppo nella direzione sbagliata. Si è allontanata di sedici chilometri e ha fatto perdere le tracce alla sua famiglia che disperata, la stava cercando in ogni dove. Abby, vagando, ha trovato il suo "Babbo Natale", un veterinario, il dottor Mark May, che era in giro con la sua slitta trainata da cani (non da renne!). Visto che la temperatura era vicina ai -40°C il dottore ha provato a prenderla per soccorrerla ma senza successo. Il secondo miracolo di questa storia è che il veterinario, dopo poco, ha ritrovato Abby proprio davanti casa sua.

Il terzo miracolo di Natale è che May ha controllato Abby. Nonostante le temperature polari esterne, il cane era in perfetta salute e non aveva alcun segno di congelamento. Il dottore ha cercato l'eventuale presenza del microchip o di un tatuaggio ma senza fortuna. In aiuto di May (e di Abby) è arrivato Facebook, il social sul quale la famiglia di Abby, i Grapengeter, avevano aperto una pagina per ritrovare la cagnolina. Tutto si è risolto, fortunatamente, nel migliore dei modi.

Via|Newsminer

  • shares
  • Mail