Per Baudelaire il gatto è un dio che giudica, governa e ispira

Per Baudelaire il gatto è un dio che giudica, governa e ispira

Del poeta e gattaro Charles Baudelaire (1821-1867) ci hanno ammaliato i suoi versi in cui si sofferma sugli occhi dei gatti. Nella poesia Il gatto il poeta istituisce un paragone tra gli occhi delle donne e quelli dei mici, mentre nella poesia I gatti, al plurale, indaga il senso mistico delle pupille feline.

In un'altra poesia, tratta da I fiori del male, Baudelaire torna sul tema degli occhi dei gatti, definendoli “viventi opali”, ma si sofferma anche su altri aspetti della bellezza felina, tanto da arrivare a definire il gatto come un dio che “giudica, governa e ispira ogni cosa nel suo impero”.

Per Baudelaire il gatto è un dio che giudica, governa e ispira

I gatti

Che dolce profumo esala da quel pelo
biondo e bruno! Com’ero tutto profumato
una sera che l’accarezzai
una volta, una soltanto!

È lui il mio genio tutelare!
Giudica, governa e ispira
ogni cosa nel suo impero;
è una fata? O forse un dio?

Quando i miei occhi, attratti
come da calamita, dolci si volgono
a quel gatto che amo
e guardo poi in me stesso,

che meraviglia il fuoco
di quelle pallide pupille,
di quei chiari fanali, di quei viventi opali
che fissi mi contemplano!

Foto | Tejas PrintsKátia :) via photopin cc

  • shares
  • Mail