Ho trovato dei cuccioli abbandonati: che faccio?

cucciolata carlini

Non dimenticherò mai il giorno in cui una mia amica ha trovato due micini abbandonati: erano veramente piccolissimi, avevano il passo ancora incerto e miagolavano esattamente con lo stesso tono e la stessa frequenza che avevo sentito in mia figlia appena nata. In quel caso, essendo la mattina di un giorno feriale, era stato facilissimo raggiungere il veterinario più vicino e farsi dare da lui tutti i consigli del caso.

Cosa fare se invece il veterinario non c'è o se è fuori zona? Ho trovato molto interessanti i consigli dati da ti presento il cane. Ve li sintetizzo al volo:

Controllare la temperatura rettale, che non deve mai scendere sotto i 35 gradi nella prima settimana di vita; sotto i 36 nella seconda e sotto i 38 dalla terza in poi. I cuccioli vanno sempre tenuti vicino ad una fonte di calore come ad esempio una bottiglia riempita di acqua bollente e coperta con un asciugamano per non farli scottare.

Controllare l'idratazione: gengive rosa, tartufo umido e pelle della collottola elastica sono un buon segno. In caso contrario meglio cercare un pronto soccorso veterinario perché serve una flebo.

Sopperire ai cali di zuccheri: un cucciolo senza forze, che presenta anche spasmi sta andando in calo ipoglicemico. Lo aiuteremo ponendo gocce di sciroppo zuccherato sotto la lingua. Poi però dovrà intervenire il veterinario.

Dargli del cibo: quale? Il latte di mucca non è il più indicato. In mancanza di un negozio in cui rifornirvi di latte artificiale apposito, il sito indica questa ricetta d'emergenza: 60 ml. latte di vacca + 14 ml. panna liquida + 1 tuorlo d’ouovo + un pizzico di formaggino o ricotta + qualche goccia di olio di mais.

Sbloccare il pancino: dopo ogni pasto, ovvero ogni due/tre ore, il pancino va stimolato con una pezzolina inumidita, per aiutare il cucciolo a fare cacca e pipì.

Che fatica, vero? Esattamente come con un neonato. Ora, io lo dico da mamma e da padrona ansiosa: se trovassi una cucciolata o anche solo un cucciolo abbandonato, mi metterei a caccia del primo pronto soccorso veterinario e mi fionderei lì o telefonerei se è troppo lontano. Questo non per non impegnarmi, ma per essere sicura che il mio fai da te non sia troppo approssimativo.

Sicuramente voi lettori di Petsblog avete avuto più avventure di me da questo punto di vista. Vi va di raccontarcele?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail