• Petsblog
  • Gattare
  • Mitzi, il gatto più grasso della Gran Bretagna, ha trovato una nuova famiglia

Mitzi, il gatto più grasso della Gran Bretagna, ha trovato una nuova famiglia

Mitzi, il gatto più grasso della Gran Bretagna, ha trovato una nuova famiglia

Ecco la storia di Mitzi, la gatta cicciottella che ha trovato una nuova famiglia.

Mitzi è una bella gattona che vive in Inghilterra, e che qualche tempo fa è stata soprannominata “il gatto più grasso della Gran Bretagna”. La micia pesava infatti 7,7 chilogrammi quando è stata accolta per la prima volta al Woodside Sanctuary di Plymouth. Si trattava di una randagia che viveva per strada, e che evidentemente aveva catturato il cuore di moltissime persone, che la nutrivano in maniera decisamente eccessiva.

Un giorno, Mitzi è giunta al Woodside Sanctuary, dove i volontari se ne sono presi cura e le hanno trovato una nuova famiglia. Purtroppo però Mitzi è stata molto sfortunata. Fin troppe volte è stata adottata e riportata al rifugio per animali.

Una volta è morto il proprietario, una volta sono cambiate le condizioni nella famiglia in cui viveva e un’altra ancora il proprietario si è ammalato gravemente

raccontano i volontari, i quali sperano che questa nuova adozione possa essere quella definitiva. intanto, Mitzi sta seguendo una dieta ferrea, ed ha già raggiunto il peso di 5.3 chilogrammi. I nuovi proprietari per il momento non possono tenerla in casa, poiché vivono in affitto, ma il personale del rifugio si è offerto di tenerla fino a quando i nuovi padroncini non troveranno una casa di proprietà. Intanto, i volontari fanno sapere che le richieste di adozione per la piccola Mitzi sono state davvero moltissime, e provenienti da tutto il mondo:

Volevano adottarla dagli Stati Uniti, dalla Svezia e dal Medio Oriente, ma ora siamo contenti di aver trovato un proprietario che la conosce già e la ama.

Non possiamo far altro che augurare il meglio a questa simpatica signorina!

Foto da Facebook
via | La Stampa

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog