Petsblog Animali domestici Iperfosfatemia nel cane e nel gatto: cause, sintomi e terapia

Iperfosfatemia nel cane e nel gatto: cause, sintomi e terapia

Torniamo a parlare di esami del sangue, andiamo a vedere cause, sintomi, diagnosi e terapia dell’iperfosfatemia nel cane e nel gatto.

Iperfosfatemia nel cane e nel gatto: cause, sintomi e terapia

Iperfosfatemia nel cane e nel gatto – Visto che qualche tempo fa avevamo parlato di calcio, andando a guardare ipercalcemia e ipocalcemia nel cane e nel gatto, ecco che oggi per par condicio parleremo di iperfosfatemia nel cane e nel gatto. L’iperfosfatemia lo dice il nome stesso, è l’aumento dei livelli ematici di fosfato. Nel cane e nel gatto si parla di iperfosfatemia quando i valori di fosforo superano i 6,5 mg/dl, considerando però che cuccioli e gattini hanno livelli di fosforo più elevati, pari a 3,9-9 mg/dl nel cane e 3,9-8,1 mg/dl nel gatto.

Iperfosfatemia nel cane e nel gatto: cause

Questi sono i principali meccanismi di iperfosfatemia nel cane e nel gatto:

  • aumento dell’assorbimento intestinale del fosforo
  • diminuzione dell’escrezione renale del fosforo
  • aumentato passaggio del fosforo dal comparto intracellulare a quello extracellulare

E qui parliamo delle cause di iperfosfatemia nel cane e nel gatto:

Iperfosfatemia nel cane e nel gatto: sintomi

Fondamentalmente di per sé l’iperfosfatemia non è che provoca molti sintomi. Diciamo che in linea generale indica che c’è una patologia in corso. Quello che però è vero è che un aumento improvviso e veloce della fosfatemia provoca una repentina diminuzione del calcio, con comparsa di sintomi neuromuscolari provocati più che altro dall’ipocalcemia relativa.

Tuttavia un’iperfosfatemia prolungata nel tempo è in grado di causare:

  • iperparatiroidismo secondario
  • osteodistrofia fibrosa
  • calcificazione metastatica dei tessuti molli

Per quanto riguarda la diagnosi di iperfosfatemia, si valuta tramite gli esami del sangue. Tuttavia dire che un cane ha iperfosfatemia non indica la malattia: bisogna a questo punto indagare l’eventuale presenza delle cause sopra descritte.

Iperfosfatemia nel cane e nel gatto: terapia

Diciamo che di base la correzione dell’iperfosfatemia avviene correggendo la causa scatenante. Tuttavia in caso di iperfosfatemia da insufficienza renale, per ridurre i livelli di fosforo, si effettua la terapia reidratante, si somministrano diete apposite povere di fosfati e a controllato tenore proteico e nei casi severi si somministrano anche farmaci per via orale capaci di legare i fosfati. Correggendo là dove possibile la causa primaria, è però possibile che i fosfati si riducono, ma occhio che non tutte le patologie che causano aumento di fosfati nel sangue sono curabili.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | ludovicmauduit

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come far addormentare un cane
Cani

Come tranquillizzare un cane di notte? Sapere come far addormentare un cane potrebbe essere di aiuto sia per te che per il tuo pet, specialmente se il cane non dorme per colpa dello stress, di una malattia o perché si sente a disagio. La privazione del sonno, infatti, potrebbe comportare spiacevoli conseguenze per il tuo pet. Per affrontare il problema, bisognerà individuare le cause sottostanti.