La forma della testa del gatto ne rivela il carattere?

Sapete che la forma della testa dei gatti può aiutare a comprenderne la personalità? Ad affermarlo è un celebre cat trainer

Guardate il vostro gatto. È amorevole? Annoiato? Richiede spesso attenzioni? Secondo l’esperto felino Arden Moore è possibile comprendere il carattere di un gatto solo guardandolo in faccia. Se, per esempio, ha il volto rotondo allora è probabile che il micio sia timido e pacioso; se, al contrario, ha una testa spigolosa (come il birmano o il siamese) allora potrebbe essere un micio molto attivo e curioso. Arden Moore ne è convinto, tanto da affermare:

La geometria del volto del gatto è uno dei migliori modi per capire se quel gatto fa per voi o meno. Ed è una caratteristica molto utile nel caso di gatti meticci, di cui non si conosce la razza e quindi i tratti peculiari non possono essere definiti a priori con una certa sicurezza.

Quindi, secondo Arden Moore chi vuole adottare un gatto potrebbe prendere in considerazione anche la forma della sua testa per capire se ci potrà essere feeling. Riassumendo:


  • volto tondo: se un gatto ha un volto tondeggiante, con occhi grande e testa circolare è assimilabile – secondo Moore – a un cagnolino del mondo dei gatti. Si tratta di mici sottomessi, docili che si spaventano facilmente e possono essere sorpresi con facilità. In questa categoria rientrano, per esempio, i gatti persiani e quelli himalayani;

  • volto triangolare: se si è alla ricerca di un gatto con un po’ più di intelligenza, si dovrebbe adottare un siamese o un abissino. I gatti “triangolari” fanno molti vocalizzi (il siamese non sta mai zitto!) e solitamente sono agili, preferendo di gran lunga muoversi ed esplorare invece che starsene a dormire tutto il tempo al sole;

  • volto quadrato: si tratta dei mici più tranquilli, che possono vivere senza problemi con cani, bambini e anche altri gatti. Sono molto sicuri di sé e amano essere indipendenti, ma adorano anche rannicchiarsi con voi alla fine della giornata. In questa categoria rientrano i Main Coon e i siberiani.

Fino a ora, comunque, il legame tra geometria del volto dei gatti e loro carattere non è stato pubblicato su alcuna rivista scientifica e nemmeno è stato oggetto di studio: nasce dall’esperienza di una persona che conosce profondamente i gatti. Questo non vuol dire che tutti i gatti che hanno un determinato tipo di volto abbiano lo stesso carattere. Sono solo indicazioni che, alla fine, possono lasciare anche il tempo che trovano perché l’importante è amare un gatto!

Via | Dos Manzanas

  • shares
  • Mail