Coniglio con febbre: cause e cosa fare

Coniglio con febbre: cause e cosa fare

Il coniglio ha la febbre? Ecco le principali cause, i sintomi da cui capire se ha la febbre o meno e cosa fare.

Anche i conigli possono avere la febbre, così come cani, gatti e qualsiasi altro animale. Diciamo che siamo più abituati a vedere cane e gatto con la febbre, ma ogni tanto anche nel coniglio possono vedersi rialzi della temperatura. Ma quali sono le cause che portano un coniglio ad avere la febbre? Cosa fare con un coniglio con la febbre?

Anticipiamo cosa NON dovete fare: NON dovete dargli farmaci di testa vostra, soprattutto antibiotici e antinfiammatori. Antibiotici no perché i conigli non possono utilizzare molte comuni classi di antibiotici, pena la sviluppo di forme di enterotossiemia mortali. E meglio non usare FANS perché, tranne poche eccezioni, la maggior parte sono tossici per loro.

Mixomatosi coniglio: vaccino

Coniglio con febbre: cause

In effetti non è molto frequente vedere un coniglio con febbre. E’ possibile che il coniglio la sviluppi in seguito a infezioni batteriche, virali o forme di setticemia. Tuttavia, nonostante il coniglio soffra spesso dello sviluppo di ascessi sulla testa, genitali e cute, si tratta di ascessi che usualmente non provocano febbre o malessere (a meno che non ci sia contestuale compromissione degli organi interni).

Non è febbre, ma un coniglio con colpo di calore avrà una temperatura corporea più alta. Si tratta di una forma di ipertermia. Ricordatevi che dai 18 gradi di temperatura ambientale in su, il coniglio è a rischio di sviluppare colpi di calore, spesso mortali.

Un coniglio con febbre sarà mogio, abbattuto, non si muoverà e non mangerà: tutti sintomi aspecifici, riferibili praticamente a tutte le malattie dei conigli. Misurare la temperatura a un coniglio non è facile. Per misurare la temperatura rettale bisognerebbe utilizzare termometri rettali digitali (ormai in commercio ci sono solo più quelli, quelli col mercurio non li producono più), inumiditi con acqua fredda e inseriti nell’ano. Tuttavia l’ano dei coniglietti è più delicato di quello di cani e gatti, quindi meglio che a compiere la manovra sia il vostro veterinario esperto di esotici. Per i termometri auricolari, vale quanto detto per cani e gatti: solitamente danno ancora più fastidio e non sono così precisi come quelli rettali.

Conigli con rialzo febbrile: cosa fare

Se sospettate che il coniglio abbia la febbre, portatelo subito dal vostro veterinario esperto di esotici. Il medico provvederà a stabilire che temperatura abbia il coniglio e se ci siano altri sintomi correlati, oltre a fare esami per capire la causa dell’aumento di temperatura. Solo a quel punto imposterà una terapia, mirata o sintomatica a seconda del problema.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog