Petsblog Animali domestici Uccelli Perché il pappagallo non vuole uscire dalla gabbia?

Perché il pappagallo non vuole uscire dalla gabbia?

Perché il pappagallo non vuole uscire dalla gabbia?

Perché il pappagallo non vuole uscire dalla gabbia? A molte persone sarà capitato di porsi questa domanda. Dopo tanti anni di pacifica convivenza, anni di amicizia e carezzine, il vostro pappagallo sembra aver deciso di non voler più uscire dalla sua gabbia. Questo è davvero frustrante e deprimente, non è vero?

Di certo vi starete chiedendo cosa avete fatto per far offendere il vostro pet. Magari il piccolo ha un atteggiamento aggressivo, vi becca e vi graffia non appena cercate di farlo uscire dalla gabbia. O magari potrebbe mostrarsi molto spaventato, al punto da tremare in un angolino, il più lontano possibile da voi. Insomma, il nostro pappagallo non vuole proprio saperne di uscire. Ma quale potrebbe essere la causa di questo strano comportamento? E soprattutto, cosa possiamo fare per calmare il nostro pennuto?

In questo articolo cercheremo di capire perché il pappagallo non vuole uscire dalla gabbia, quali sono le possibili conseguenze e come affrontare e risolvere la situazione. Ve lo preannunciamo, per convincere il vostro animale domestico a lasciare il suo rifugio sarà necessaria una buona dose di empatia.

Perché il pappagallo non vuole uscire dalla gabbia?

Quando un pappagallo non vuole più uscire dalla sua gabbia, i motivi possono essere molteplici. I più probabili sono:

  • Paura: in giro per casa ci sono animali domestici grandi che spaventano il pappagallo? I bambini si avvicinano alla gabbia in modo irruente, spaventando il povero animale? Avete inserito nell’ambiente degli oggetti di arredamento dai colori troppo sgargianti? Qui potrete trovare tutte le possibili cause della paura nei pappagalli.
  • Questione di atteggiamento: pensateci bene, di fronte al vostro pappagallo vi mostrate stressati e arrabbiati? Se si, sappiate che il piccolino se ne rende conto, e potrebbe non avere molta voglia di trascorrere del tempo in vostra compagnia fuori dalla gabbia.
  • Comportamenti territoriali: in alcuni casi, i pappagalli possono assumere degli atteggiamenti aggressivi in cattività. Si tratta di un istinto naturale, legato alla difesa del proprio territorio (in questo caso, la gabbia). In natura questi animali trascorrono la loro vita a guardia dei loro nidi, litigando con i “vicini di casa”. Niente di strano che ogni tanto litighino con voi per proteggere il proprio spazio personale.

Ma come comportarsi se il pappagallo non vuole uscire dalla gabbia? Purtroppo il comportamento aggressivo del pennuto, o la sua evidente paura, potrebbero spingere il padroncino a interagire sempre meno con l’animale. Così facendo, il problema non si risolverà, ma potrebbe peggiorare. E’ quindi il caso di passare all’azione.

Come risolvere il problema?

Innanzitutto, fatta eccezione per i casi particolari, un pappagallo non dovrebbe mai e poi mai essere costretto a uscire dalla gabbia se non lo vuole.

Offrite invece una possibilità di scelta. Aprite la gabbia e invitatelo a uscire senza invadere il suo spazio personale. Se il pappagallo vorrà uscire, lo farà capire chiaramente. Probabilmente alzerà una zampetta per dirvi che vuole salire a bordo del vostro dito. In caso contrario, non forzatelo. Lasciatelo libero di scegliere cosa fare. Parlate sempre con un tono pacato, calmo e affettuoso. Ogni tanto potrete provare a corromperlo con dei complimenti o qualche snack per pappagalli.

Pian piano, cercate di ristabilire il rapporto di fiducia con il vostro pet. Evitate di spaventare l’animale con rumori o movimenti improvvisi. Spiegate ai bambini che di fronte al volatile bisogna comportarsi in modo tranquillo e calmo.

Ricordate sempre che se il pappagallo non vuole uscire dalla gabbia, c’è sempre una ragione. Con empatia e pazienza, affrontate quindi la situazione in modo gentile e comprensivo. Se il problema non dovesse risolversi, chiedete consiglio al veterinario specializzato in pappagalli.

via | Be-chewy
Foto di Tanuj Handa da Pixabay

Seguici anche sui canali social