Petsblog Cani La convivenza tra cani e gatti: considerazioni e suggerimenti

La convivenza tra cani e gatti: considerazioni e suggerimenti

La convivenza tra cani e gatti: considerazioni e suggerimenti

Cani e gatti sono specie differenti e, come avviene anche per gli esseri umani, ogni animale può entrare in conflitto con gli altri, soprattutto se non si conoscono e se si hanno caratteri molto forti. La soluzione perché cani e gatti vivano tranquillamente insieme è l’educazione.

Cani e gatti sono poco compatibili per istinto: i cani hanno un naturale istinto per “cacciare” altre specie animali, una delle quali è quella dei gatti; i gatti, invece, hanno l’istinto a cacciare topi, uccelli, mosche e moscerini vari… Per ottenere una pacifica convivenza, quindi, bisogna comprendere le differenze naturali delle specie e lavorare sull’educazione di ogni animale. Teniamo presente che tutto richiede tempo e pazienza.

Cani e gatti cuccioli

La convivenza tra cani e gatti: considerazioni e suggerimenti

L’educazione alla pacifica convivenza tra cani e gatti risulterà più facile se li mettiamo insieme da cuccioli: tutti familiarizzeranno e cresceranno insieme, trovando del tutto naturale che in casa vivano varie specie (quella umana compresa!).

In alcuni momenti potrà succedere che nascano dei conflitti: in questi casi dobbiamo stare molto attenti per evitare problemi (da tenere sott’occhio soprattutto le unghie del gatto che, come è noto, si lancia direttamente al volto del “nemico” e può provocare ferite e graffi dolorosi). In questi casi è importante distrarre gli animali, cosa questa che riesce più facile con i gatti (dando loro dei giochini, per esempio) che con i cani che, a volte, non sono disposti ad accettare i nostri diversivi.

Cani e gatti adulti

La convivenza tra cani e gatti: considerazioni e suggerimenti

Se dobbiamo mettere insieme un cane e un gatto adulti, c’è bisogno di molta pazienza, costanza e determinazione.

Se sappiamo che il nostro cane non è ben disposto verso i gatti, prima di introdurne uno in casa, facciamo giocare Fido, facciamolo mangiare e lasciamo che si rilassi. Durante questo periodo di riposo – in cui l’istinto di cacciatore è più sopito – facciamogli vedere il nuovo amico, cercando di parlare a entrambi gli animali con calma. Ricordiamoci di premiare sempre il cane quando si comporta bene con il gatto, soprattutto agli inizi, in modo che capisca che questo è l’atteggiamento che noi desideriamo.

Teniamo presente che se abbiamo un cane molto anziano, l’inserimento di un gatto in famiglia sarà più difficile, dal momento che il cagnolone è abituato a non condividere né noi né la casa con altri animali.

Foto | Marianne PerdomoferneuquenMister Niceman

Seguici anche sui canali social