Petsblog Cani Processionaria nel cane e gatto: sintomi

Processionaria nel cane e gatto: sintomi

Andiamo a vedere i principali sintomi del contatto con la Processionaria per cani e gatti.

Processionaria nel cane e gatto: sintomi

Processionaria nel cane e gatto – Fate molta attenzione in questo periodo alle Processionarie. Il nome scientifico di questo lepidottero è Thaumenotopoea pityocampa. E’ un insetto che vive sui pini, solitamente per loro distruttivo, ma il vero problema per cani e gatti (e qualsiasi animali con cui venga in contatto, ivi incluso l’uomo) è la forma larvale. Da giovane infatti la larva è lunga 1-3 centimetri ed è ricoperta di peli altamente urticanti. Tipicamente si spostano in fila indiana, formando delle processioni vere e proprie. Occhio che troviamo le processionarie sia sui pini che sui cedri. Di norma le larve escono dai nodi (bozzoli biancastri sugli alberi) in primavera (quest’anno ha fatto caldo prima e quindi sono uscite prima, mentre nelle zone calde escono anche d’inverno). A liglio e agosto invece compaiono gli adulti.

I sintomi da contatto da Processionaria in cani e gatti sono:

  • scialorrea intensa
  • forte dolore
  • grave infiammazione di bocca, esofago e stomaco
  • edema della glottide con rischio di soffocamento
  • necrosi di lingua e mucosa buccale
  • febbre
  • anoressia
  • vomito emorragico
  • diarrea emorragica

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | snazzo

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

I cani possono mangiare l’anguria?
Alimentazione cane

Tecnicamente la risposta alla domanda se i cani possono mangiare l’anguria è sì. Non è una frutta tossica per i cani come, invece, lo è l’uva e l’uva passa. Tuttavia è bene non esagerare nelle dosi e nella frequenza perché come frutta è troppo zuccherina e, soprattutto nei cani che soffrono di diabete mellito o iperglicemia, è controindicata. Inoltre non è un alimento che deve essere presente nella dieta di tutti i giorni di un carnivoro