Petsblog Cani Versamento pericardico nel cane: sintomi

Versamento pericardico nel cane: sintomi

Andiamo a vedere quali siano i sintomi del versamento pericardico nel cane.

Versamento pericardico nel cane: sintomi

Versamento pericardico nel cane – Il cuore è racchiuso nel sacco pericardico. Questo sacco è formato da uno strato esterno (pericardio parietale) e da uno strato interno a diretto contatto col cuore (pericardio viscerale). In questo spazio di solito c’è una minima quantità di liquido atta a evitare fenomeni di attrito, ma quando qui si accumula troppo liquido ecco che abbiamo il versamento pericardico (lo spazio pericardico non comunica con lo spazio pleurico). Non è una patologia frequentissima, tuttavia ogni tanto capita di vederla. Particolare complicazione del versamento pericardico è il tamponamento cardiaco (la pressione del liquido pericardico aumenta la pressione intrapericardica e supera la pressione diastolica dell’atrio destro con alterazione del riempimento delle camere cardiache con conseguente diminuzione della pressione arteriosa, ischemia e shock cardiogeno).

I sintomi di versamento pericardico compaiono solo quando la pressione intrapericardica supera quella di riempimento del cuore, prima nelle fase iniziali non si nota nulla. Ecco perché di solito quando si hanno i sintomi la situazione è già grave. I principali sintomi di versamento pericardico nel cane sono:

  • tamponamento cardiaco con shock cardiogeno e morte
  • edema polmonare
  • ipotensione
  • turgore delle giugulari
  • cuore a valentina
  • ascite
  • tachipnea
  • tosse
  • sincope
  • debolezza
  • letargia
  • intolleranza all’esercizio fisico
  • epatomegalia
  • toni cardiaci attutiti
  • mucose pallide
  • aumento del tempo di riempimento capillare
  • febbre

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | chifei

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

I cani possono mangiare l’anguria?
Alimentazione cane

Tecnicamente la risposta alla domanda se i cani possono mangiare l’anguria è sì. Non è una frutta tossica per i cani come, invece, lo è l’uva e l’uva passa. Tuttavia è bene non esagerare nelle dosi e nella frequenza perché come frutta è troppo zuccherina e, soprattutto nei cani che soffrono di diabete mellito o iperglicemia, è controindicata. Inoltre non è un alimento che deve essere presente nella dieta di tutti i giorni di un carnivoro