Gatti egoisti e asociali? Sfatiamo questo mito

Una recente ricerca ha sfatato un mito: i gatti non sono assolutamente egoisti e asociali. Ecco perché.

Gatto e cane

Esiste un mito assai popolare che vuole che i gatti siano animali egoisti e asociali. Tuttavia adesso ci pensa una ricerca della Oregon State University a sfatare questa leggenda metropolitana. Si tratta di uno stereotipo difficile da cancellare dalla mente delle persone, soprattutto di coloro che non hanno gatti. Chi convive con un gatto sa benissimo che questo elegante furbacchione non è poi così egoista come lo si dipinge. La Oregon State University ha realizzato un test comportamentale, esaminando le reazioni di cinquanta gatti adulti, di cui alcuni domestici e altri no.

I gatti non sono asociali: lo dimostra una ricerca

La ricerca ha prelevato questi gatti e li ha posti in un ambiente diverso dal solito, togliendogli contemporaneamente (e temporaneamente, lo sottolineiamo), quattro stimoli fondamentali: cibo, gli esseri umani, giochi e odori e profumi.

Dopo un po', questi quattro stimoli sono stati restituiti tutti insieme ai gatti. A grande sorpresa (ma non per chi ha gatti), la maggior parte dei felini, alla ricomparsa contestuale di tutti gli stimoli, è andata subito verso gli umani. Avete capito bene: i gatti hanno preferito ritrovare il contatto umano al posto di fiondarsi sulla ciotola di cibo, giocare con i loro giocattoli o annusare quegli odori interessanti.

In questa ricerca il cibo è arrivato al secondo posto delle preferenze dei gatti: al primo c'è l'interazione con gli esseri umani. Ma allora perché tutti si ostinano a dire che i gatti sono egoisti e asociali? Semplice: la maggior parte delle persone non ha idea di quali siano gli stimoli preferiti dai felini e spesso fraintendono tali stimoli. Vedi, per esempio, le richieste di attenzione dei gatti che vengono sempre scambiate per richieste di cibo: il gatto non ti sta dicendo che vuole altro cibo, ti sta dicendo che vuole interagire di più con te e che si annoia. Certo, se poi ogni volta che richiede attenzioni, tu apri il frigo, è ovvio che impari che a miagolio corrisponde somministrazione del cibo. Ma in origine lui stava chiedendo altro.

Ovviamente non è che il gatto debba essere per forza espansivo con tutti, anche fra i cani non tutti sono così socievoli anche con gli estranei. Ma ciò non vuol dire che sia asociale: sa scegliersi la compagnia.

Via | Science Direct

Foto | iStock

  • shares
  • Mail