Il tuo cane è come un figlio? Un terzo dei padroncini la pensa come te

Avete un cane o un gatto, e lo considerate un po’ come se fosse un figlio? Si tratta di un fenomeno più normale di quanto possiate pensare. Ecco cosa spiegano gli esperti.

Cane

Avete in casa un cane, un gatto, o anche un pappagallo o una tartaruga, e tendete a considerarlo/a, oltre che a trattarlo, come se fosse un figlio? Non vi preoccupate, perché si tratta di un comportamento del tutto normale! A renderlo noto è il nuovo Rapporto Italia 2019 dell'Eurispes, dal quale è emerso che un buon terzo degli italiani proprietari di pets li considerano come se fossero dei figli, mentre per due terzi degli italiani, gli animali domestici sono i loro migliori amici.

Dal Rapporto Eurispes è anche emerso che un terzo degli italiani ha in casa almeno un animale domestico (33,6%), mentre le famiglie che ne hanno più di uno sono in costante aumento rispetto agli anni precedenti. Gli italiani sembrano prediligere i cani (40,6%) e i gatti (30,3%), ma amano anche avere in casa uccellini, pesci, tartarughe, conigli e criceti.

Ma tornando al legame che instauriamo con i nostri pets, gli esperti spiegano che il 76,8% degli italiani li considera dei membri effettivi della famiglia, mentre sei persone su 10 li considerano i loro migliori amici, e quasi un terzo – come abbiamo detto – li considera dei veri e propri figli.

Per finire, noi italiani siamo pet lovers anche in vacanza (e speriamo che questo atteggiamento diventi sempre più frequente e diffuso, in modo che diminuiscano gli abbandoni estivi). Un terzo delle persone intervistate (ovvero il 33,7%) ha dichiarato infatti di scegliere alberghi e strutture animal friendly per le proprie vacanze, mentre solo 3 persone su 10 scelgono di lasciare il proprio animale domestico nelle pensioni per animali.

via | Ansa
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail