Dogo Argentino e Barbet, razze di cani riconosciute dal Kennel Club americano

Il Dogo Argentino e il Barbet sono due nuove razze di cani riconosciute dal Kennel Club americano.

dogo argentino

L'American Kennel Club, il più importante e grande registro di cani di razza che esista nel mondo, ha annunciato l'introduzione nel 2020 di due nuove razze canine all'interno del suo elenco. Si tratta di due nuove razze di cane da allevamento e da competizione, il Barbet e il Dogo Argentino. Con la loro introduzione le ragazze di pedigree americano sono 195, mentre in tutto il mondo sono 340.

Gina DiNardo, segretario esecutivo dell'American Kennel Club, spiega:

Siamo felici di accogliergli nella famiglia delle razze riconosciute dell'American Kennel Club. Entrambi sono unici, offrendo agli amanti dei cani scelte molto diverse. Come sempre, incoraggiamo le persone a fare le loro ricerche per trovare la migliore razza per il loro stile di vita quando cercano di aggiungere un cane a casa loro.

Dogo Argentino

Il Dogo Argentino è un cane da caccia di grandi dimensioni. Caratterialmente stiamo parlando di cani davvero molto coraggiosi e leali nei confronti della propria famiglia. Sono anche molto affettuosi e si legano molto al proprietario. Tanto da difendere i componenti della famiglia da ogni possibile pericoloso: sono dei cani da guardia perfetti. Hanno bisogno di molto movimento e di stare in mezzo alle persone.

Dal punto di vista estetico, sono cani di grandi dimensioni con la pelliccia corta e liscia.

Barbet

Il Barbet è un cane di medie dimensioni, originario della Francia. È abituato a cacciare uccelli acquatici. Il suo carattere è docile, mansueto, sempre felice e amichevole. È un cane leale, fedele, molto intelligente, che non perde tempo per vivere nuove avventure con i suoi proprietari. Anche se è un "cane da caccia", non è un patito estremo dell'attivitivà fisica, anche se richiede un po' di movimento, fisico e mentale, ogni giorno.

Per quello che riguarda l'aspetto, ha una pelliccia molto folta e riccia. Non ha bisogno di molte cure, se non di un taglio di tanto in tanto per evitare che il pelo diventi trppo lungo e rischi di annodarsi.

Foto Pixabay

Via | La Stampa

  • shares
  • Mail