Lettiera coperta o lettiera scoperta per i bisognini del nostro gatto?

I nostri amici gatti non sono soltanto coccole e fusa, dobbiamo prenderci cura della loro salute e della loro igiene nel migliore dei modi. Probabilmente il compito meno piacevole di tutti è la pulizia della lettiera. Per fortuna oggi possiamo scegliere soluzioni che rendono la lettiera quasi invisibile, ma soprattutto alleviano il disagio di avere cattivi odori in casa.

In commercio esistono decine di lettiere diverse che però si possono racchiudere in due macrocategorie: lettiera coperta e scoperta. Un neoproprietario può avere le idee un po' confuse. Ovviamente esistono soluzioni diverse a seconda della disponibilità economica, di spazio e delle esigenze di ognuno.

Probabilmente la soluzione migliore è quella della lettiera coperta, una specie di trasportino che si posiziona in un angolo della casa e, grazie ai filtri ai carboni attivi, non permette ai cattivi odori di uscire dal box. Il rovescio della medaglia è il costo ed il doversi ricordare di cambiare i filtri periodicamente, a seconda del modello ogni 2-3 mesi. Per capire se il gatto gradisce questa scelta prima di spendere 50 euro o più, si può tentare di coprire con una sorta di coperchio di cartone una lettiera scoperta. Se il micio continua ad usarla normalmente allora si può acquistare la versione definitiva, altrimenti se dimostra di temere l'ingresso in questa specie di caverna, meglio utilizzare la lettiera aperta. Inoltre è consigliabile posizionare un tappetino al di fuori della toilette per evitare che il pavimento si possa sporcare.

La lettiera scoperta è invece più semplice ed economica, ma si consiglia di utilizzarla soltanto se è posizionata in un luogo arieggiato, come ad esempio sotto una finestra. Qui non ci sono filtri, tutto ciò che il gatto emette si espande per casa. E per chi vive in un appartamento piccolo non è certamente piacevole. Alcune regole che invece tutti dovrebbero seguire, qualsiasi sia la scelta, sono rimuovere gli escrementi, se possibile, ogni giorno; cambiare la sabbietta almeno una volta alla settimana e, se il gatto si abitua ad un tipo di sabbia, non cambiare mai marca perché potrebbe non gradire quella con un altro odore e lasciare gli escrementi in giro per casa; se l'avete abituato alla lettiera scoperta e volete passare a quella coperta, meglio tenerle entrambe per una o due settimane per dargli il tempo di abituarsi; ed infine se i gatti hanno accesso a più piani, fare in modo che ad ogni piano ci sia una lettiera perché i più pigri potrebbero non voler salire le scale per "andare in bagno", e lasciarvi degli sgradevoli ricordini.

Foto | Flickr; Abbamouse

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: