Come abituare il cucciolo a dormire da solo

Puppy carrello

Come si fa ad abituare un cucciolo di cane a dormire da solo nella sua cuccia senza piangere tutta la notte? Ecco cosa bisogna fare e cosa non bisogna fare.

Prima di andare a vedere cosa bisogna fare e cosa non bisogna fare per abituare un cucciolo a dormire da solo nella sua cuccia, una doverosa considerazione. Troppo spesso mi capita di vedere clienti disperati già dopo solo due giorni di convivenza col cucciolo perché: A) piange di notte e non mi fa dormire e B) mi fa i bisognini ovunque, non ne posso più.

Mi spiace dirlo, ma simili “problemi” e relative lamentele non le tollero (e così buona parte dei veterinari). Troppo spesso la decisione di prendere un cane avviene in maniera superficiale, senza pensare che un cane deve essere non solo coccolato, ma soprattutto educato. E che l’educazione non è qualcosa che magicamente in mezzo pomeriggio di tempo potete insegnare al cucciolo. Ci va pazienza per educare un cane e costanza: se siete fra coloro che pensano che l’educazione del cucciolo duri due ore e che il cucciolo per scienza infusa debba sapere dove sporcare, quando sporcare, quando piangere e via dicendo, beh, forse dovreste farvi un esame di coscienza e magari pensare a non prendere un cane con voi. Questo prima di averlo preso, non dopo e andandosi a lamentare a destra e a manca pretendendo che gli altri vi risolvano il problema con la bacchetta magica. Per educare un cane ci vanno tempo e pazienza: se difettate dell’uno o dell’altro, allora non è il pet che fa per voi.

Cosa fare per abituare il cucciolo a dormire da solo


Abituare il cucciolo a dormire da solo è importantissimo non tanto dal punto di vista igienico, ma più che altro dal punto di vista educativo. Il capobranco dorme in alto sul letto e controlla la situazione, i sottoposti dormono in basso in un punto della casa in cui non possono controllare la situazione. Mi pare semplice, no? Se cominciamo a permettere al cane di salire sul letto per farlo dormire con noi, automaticamente gli stiamo elargendo il rango di capobranco che spetterebbe solamente agli umani del suo branco: non vi lamentate se poi il cane non vi ascolta, non fa quello che gli dite, ringhia o morde, abbaia a tutti e via dicendo. Fondamentalmente siete stati voi a dirgli di fare così e lui si comporta di conseguenza.

Una buona regola quando un cucciolo arriva a casa è quello di non stargli addosso 24 ore su 24 facendogli solamente un mucchio di coccole: lo so che viene spontaneo, ma dal punto di vista educativo non è corretto. Per i primi 15 giorni le coccole andrebbero attentamente dosate, lasciando libero il cane di esplorare la casa anche da solo (fermo restando che bisogna controllarlo per evitare che si metta nei pasticci). Questo è importante affinché il cane vi veda come capobranco.

Mettete la cuccia in una zona di facile accesso per il cucciolo, la sera quando vedete che è stanco avvicinatevi alla cuccia in modo da essere già in zona nanna e quando vedete che va in cuccia da solo, premiatelo con un pezzettino di cibo. A questo punto potete scegliere se spegnere del tutto la luce o lasciargli una piccola lucina accesa, ma mi raccomando: quando lo lasciate solo non parlategli. Di solito tutti i nostri saluti non fanno altro che accrescere la sua ansia.

Attenzione poi al classico consiglio di mettergli una sveglia e un pelouche: ottimi consigli, ma bisogna valutare l’indole del cane. Se è un cucciolo distruttore, rischiate che si mangi svegli e pelouche, quindi piuttosto che una sindrome da corpo estraneo, evitate questo sistema.

Cosa non fare


Ed ecco soprattutto cosa non fare:


  • non mettete MAI il cane a letto con voi, neanche per una volta. Il cane non capisce perché una volta sì e una no, quindi se lo mettete nel letto anche solo una volta lui esigerà sempre di salirci

  • se proprio non sopportate l’idea che il cane dorma da solo una stanza più in là della vostra, allora è concesso farlo dormire in camera, ma esclusivamente sulla sua brandina. Se durante la notte sale sul letto, ogni volta dovrete rimandarlo a cuccia. E ricordatevi che se lo abituate in questo modo, vorrà dormire in camera con voi anche da adulto, anche quando sarà un cane di 50 chili

  • se avete lasciato finalmente il cane da solo nell’altra stanza e lui comincia a piangere, non precipitatevi a vedere come sta: lui vuole proprio questo. Vi sta mettendo alla prova: se piange e vede che voi accorrete, avete finito di vivere perché piangerà sempre più forte sapendo che voi arriverete da lui. Cosa si fa? Beh, il cucciolo piange perché si sente giustamente solo? Lasciatelo piangere. Sembra crudele, ma non lo è. Ricordatevi che lui vi sta mettendo alla prova, dovete essere voi a vincere questa sfida, non lui. Se piange, lasciatelo piangere: dopo i primi giorni in cui si accorge che se piange, nessuno accorre, vedrete che come per magia smetterà di piangere

  • peggio ancora chi si riduce a dormire sul divano perché altrimenti il cucciolo piange: stiamo scherzando? Se volete dormire a vita sul divano, sono fatti vostri, ma dal punto di vista educativo del cane state sbagliando tutto


La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria.

Foto | Jkbrooks85

  • shares
  • Mail