Petsblog Cani Quanto dura il ciclo ai cani di taglia piccola?

Quanto dura il ciclo ai cani di taglia piccola?

Il ciclo estrale dei cani di piccola taglia dura tanto quanto quello dei cani di taglia media e di taglia grande. Forse l'unica differenza sta nella quantità delle perdite ematiche: i cani di grossa taglia tendono a perdere un po' più di sangue rispetto ai cani di piccola taglia. Ma la durata delle varie fasi e i sintomi sono i medesimi

Quanto dura il ciclo ai cani di taglia piccola?

Se ti sei mai chiesto quanto dura il ciclo ai cani di piccola taglia, la risposta è: lo stesso numero di giorni dei cani di media e grossa taglia. La durata del ciclo estrale dei cani, infatti, non dipende dalla taglia. Se proprio vogliamo trovare una differenza, ecco che i cani di grossa taglia tendono ad avere perdite ematiche più copiose durante il proestro, proprio a causa della taglia e delle maggiori dimensioni dell’utero. Un’altra importante differenza riguarda l’età del primo ciclo: Chihuahua, Maltese e Yorkshire Terrier, per esempio, hanno il primo calore fra i 6 e gli 8 mesi, mentre per cani come il Pastore Tedesco o il Terranova dobbiamo aspettare decisamente dopo l’ottavo o il nono mese.

Ciclo cani piccola taglia: quanto dura e fasi

Chihuahua femmina

Impropriamente chiamato “calore”, il ciclo estrale nei cani di piccola taglia solitamente arriva fra i 6 e i 12 mesi di età. Per i cani di taglia grande, invece, tendenzialmente bisogna aspettare i 9 mesi o più prima di vedere il primo calore.

La frequenza del calore in media è di due all’anno, ogni sei mesi. Tuttavia molto dipende dal ciclo delle singole cagnoline: alcune hanno calori molto frequenti, anche ogni 4-8 mesi, mentre altre ogni 8 o 12 mesi. La cosa importante è che la cagnolina abbia intervalli regolari fra di loro e che non ci siano continuamente calori con intervalli differenti. In quest’ultimo caso, infatti, potrebbero esserci problemi di cisti ovariche.

La durata del calore è di solito di tre settimane, ma anche qui la durata è assai variabile. In particolare il primo calore potrebbe essere leggermente anomalo: ci sono cagnoline che non hanno perdite e altre che hanno perdite anche per più di un mese. Tuttavia dal secondo calore in poi i livelli ormonali si stabilizzano ed ecco che il calore riprende la sua durata standard.

Tuttavia in cani adulti, con cicli regolari, se ad un certo punto il ciclo e le perdite tendono ad allungarsi o a scomparire del tutto, oltre a problematiche a ovaie e utero (fra cui anche la piometra), bisogna pensare anche a indagare possibili problemi ormonali magari legati alla tiroide. L’ipotiroidismo dei cani, infatti, può manifestarsi con alterazioni del ciclo estrale.

Il ciclo estrale si suddivide in diverse fasi:

  1. proestro: dura in media 7-10 giorni ed è caratterizzato da uno scolo ematico vulvare e da un aumento notevole di dimensioni della vulva. In questa fase gli estrogeni sono molto alti. Ci sono però dei cani di piccola taglia che in questa fase hanno pochissime o nulle perdite. Il maschio cerca la femmina, ma quest’ultima rifiuta l’accoppiamento anche mordendolo
  2. estro: dura di nuovo in media 7-10 giorni ed è la fase in cui le perdite vaginali diventano più chiare fino a scomparire. Inoltre è anche la fase in cui la femmina accetta l’accoppiamento del maschio. Occhio però: alcune cagne hanno perdite ematiche copiose anche in questa fase, rendendo difficile ai proprietari e allevatori capire quando sia giunto il momento del ciclo più ricettivo
  3. metaestro e diestro: dura in media 40-60 giorni. In questa fase calano gli estrogeni e aumenta il progesterone
  4. anestro: è la fase di riposo, può durare dai 6 ai 12 mesi

Cosa fare durante il calore dei cani?

Durante il calore dei cani dovrete fare attenzione a non lasciare mai incustodita da sola la femmina, soprattutto durante la fase estrale: il rischio di accoppiamento e gravidanze indesiderate è alto.

Per quanto riguarda le perdite di sangue, in commercio sono disponibili le apposite mutandine per evitare che la cagnolina sporchi un po’ dappertutto durante la fase delle perdite di sangue.

Fonte:

MSD Vet Manual
VCA Hospitals

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come curare la rogna del cane con metodi naturali?
Salute cani

È possibile curare la rogna del cane con metodi naturali? No, bisogna usare dei farmaci veri per debellare gli acari delle rogne. Al massimo si possono usare integratori per stimolare le difese immunitarie e aiutare l’organismo a combattere l’infestazione parassitaria