A Loano i turisti sono contro le colonie feline

Una brutta questione di vicinato per una colonia felina ligure, venite a leggere cos'è successo

La Liguria è nuovamente sotto i riflettori per una questione riguardante l'amore e il rispetto per gli animali. Dopo la brutta storia di Bogliasco, il paese dove alcune strade sono state vietate ai cani ecco arrivare una storia da Loano, un comune della provincia di Savona. I proprietari di seconde case della cittadina ligure hanno "dichiarato guerra" alla colonia felina di viale Amico e alle rispettive gattare che si occupano dei felini ospiti della suddetta colonia.

Sono partite delle minacce, dei danneggiamenti alle strutture di riparo per i gatti, dei furti di ciotole e vaschette per l'acqua da parte dei turisti nonostante la colonia sia sempre stata tenuta in ordine proprio per evitare qualsiasi genere di problema. Venerdi scorso c'è stato un nuovo atto vandalico, tanto grave da costringere i volontari a sporgere denuncia presso i carabinieri. Oltre ad essere un gesto moralmente infame, soprattutto perchè fatto da chi vive li solo pochi giorni all'anno, le colonie feline sono protette dalla legge. Come dice l'ENPA:

Le norme di legge della Regione Liguria, vigenti dal 2000 sono chiare. I gatti che vivono in stato di libertà sul territorio sono protetti ed è fatto divieto a chiunque di maltrattarli o di allontanarli dal loro habitat. La somministrazione di cibo e cura delle colonie (feline) da parte degli zoofili non può essere impedita. È vietato a chiunque ostacolare l’attività di gestione di una colonia o asportare o danneggiare gli oggetti impiegati, e prevedono sanzioni amministrative fino a 516 euro per i responsabili; l’uccisione di animali è invece un reato penale, punito con la reclusione fino a 2 anni.

Speriamo che queste persone capiscano il danno provocato e rinuncino a questo loro vergognoso "capriccio".

10492257536_de7bb63ef7_z

Via|La Zampa
Foto|Flickr

  • shares
  • Mail