Petsblog Pesci Come cambiare l’acqua ai pesci rossi

Come cambiare l’acqua ai pesci rossi

Hai da poco accolto un nuovo amico pinnuto nella tua casa, e non sai come cambiare l’acqua ai pesci rossi? Questa operazione richiede attenzione e molta cura. Non basta svuotare la vasca nel lavandino e riempirla semplicemente con dell’acqua del rubinetto. In questo modo, rischieresti di danneggiare i pesci, creando un ambiente poco salutare per i tuoi nuovi amici.

Come cambiare l’acqua ai pesci rossi

Fonte immagine: Pixabay

Sapere come cambiare l’acqua ai pesci rossi rappresenta un fattore essenziale per ogni buon padroncino di pesci. Se sei il fiero amico di uno o più pesciolini, probabilmente avrai già notato che queste creature tendono a sporcare molto l’acqua in cui nuotano. Un’acqua sporca rappresenta un ambiente ben poco salutare in cui vivere, e questo vale sia per i pesci che per tartarughe acquatiche o per qualsiasi altro animale.

Ecco perché è tanto importante cambiare l’acqua all’acquario con una certa frequenza, e soprattutto, è fondamentale saper pulire la vasca in modo corretto, per non causare degli shock termici o forti stress al tuo amico pinnuto.

In questo articolo scopriremo quante volte va cambiata l’acqua dei pesci, quale tipo di acqua usare e quali sono gli step necessari per pulire l’acquario in modo corretto.

Prima, però, facciamo qualche importante premessa.

Acquario per pesci rossi: cose da sapere

Fin troppo spesso vediamo genitori, zii o nonni che acquistano dei pesciolini rossi per i bambini di casa, nell’errata convinzione che si tratti di animali facili da accudire, silenziosi, creature che “non sporcano” e non richiedono particolari spese o cure.

Le cose non stanno affatto così.

Possiamo dire con assoluta certezza che non esiste un animale domestico, sulla faccia della terra, che non richieda attenzioni e per il quale non dovremo spendere tempo e denaro, nella realizzazione del miglior habitat possibile.

Questo discorso vale anche per i pesci rossi. E’ vero, siamo abituati a immaginarli mentre nuotano “felici” all’interno della loro boccia, ma in realtà quella sorta di vaso di vetro, o ancor peggio, la vaschetta di plastica “per pesce rosso”, è l’equivalente di far vivere una tartarughina d’acqua in una vaschetta di 30 centimetri di plastica colorata.

Non si tratta assolutamente dell’habitat adatto in cui un animale dovrebbe vivere.

Se hai a cuore la felicità del tuo animale domestico, quindi, dovrai creare un acquario adeguato, dotato di un apposito filtro per rimuovere gli escrementi, un riscaldatore in grado di mantenere la temperatura ideale (circa 22 gradi), piante adatte ai pesci e amici con cui giocare.

Ah, e naturalmente, bisognerà provvedere anche a dei regolari ricambi d’acqua!

Ogni quanto cambiare l’acqua ai pesci rossi?

La risposta a questa domanda dipende molto dal tipo di vasca, dalle condizioni dell’acquario e dalla quantità di pesci e piante che vivono al suo interno.

In linea di massima, si consiglia di cambiare parte dell’acqua una volta alla settimana, in modo da mantenere un pH adeguato, livelli di nitrati bassi ed eliminare feci o altri residui e detriti.

Quanta acqua cambiare nell’acquario?

Riguardo le quantità di acqua da cambiare, le opinioni tra gli acquariofili sono spesso discordanti. Di solito, però, si consiglia di non cambiare l’acqua tutta in una volta, bensì di rimuoverne circa il 10%-30%.

Un altro fattore da considerare è il luogo in cui si troverà il pesciolino durante l’intera operazione. C’è chi consiglia di non togliere il pesciolino dall’acquario durante il cambio dell’acqua, poiché il trasferimento potrebbe risultare letale per l’animale. Allo stesso modo, però, c’è chi consiglia di spostare il pesce in un’altra vasca riempita con la stessa acqua dell’acquario, in modo da non disturbare l’animale durante l’operazione.

Per non rischiare di commettere degli errori potenzialmente fatali, puoi chiedere consiglio al negoziante che ti ha venduto il pesciolino, o ancor meglio,  al tuo veterinario di fiducia.

Che acqua ci vuole per i pesci rossi?

Altro fattore da non sottovalutare riguarda la qualità dell’acqua: per cambiare l’acqua ai pesci rossi, possiamo utilizzare quella del rubinetto, ma è fondamentale usare un biocondizionatore per rendere l’acqua idonea e priva di sostanze dannose per i pesciolini.

Come cambiare l’acqua ai pesci rossi step by step

E a questo punto, vediamo come pulire l’acqua dei pesci rossi. Per eseguire questa operazione ti servirà un sifone per acquario, utile per eliminare la percentuale d’acqua che ritieni adatta e, allo stesso tempo, rimuovere lo sporco dal fondo e dalla superficie.

  • Scollega riscaldatori e pompe presenti nell’acquario.
  • Inserisci il sifone nella vasca e svuota l’acqua in un secchio.
  • Per pulire il fondo, fai scorrere la base del sifone sulla sabbia, così da eliminare tutti i detriti.
  • Quando avrai eliminato la percentuale di acqua che ritieni opportuna, potrai smettere di aspirare semplicemente rimuovendo il sifone dalla vasca.
  • Getta via l’acqua sporca dell’acquario, quindi riempi un secchio pulito con dell’acqua del rubinetto, la cui temperatura dovrà coincidere con quella dell’acquario, per evitare di stressare o far ammalare i pesci.
  • Versa l’acqua nella vasca molto lentamente.

Ricorda: prima di aggiungere l’acqua nella vasca, dovrai trattarla con un apposito biocondizionatore per acquario, in modo da eliminare tutte le sostanze potenzialmente dannose per i tuoi pesci e le piante che vivono al suo interno.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Tutto ciò che devi sapere sulla riproduzione dei pesci rossi
Pesci

Se amate i pesci rossi, è possibile che ad un certo punto decidiate di farli riprodurre. Ecco perché oggi andremo a vedere le basi e le curiosità sulla riproduzione dei pesci rossi. Non è poi così difficile far riprodurre i pesci rossi, solo che bisogna almeno conoscere le basi della loro riproduzione e come agire nel modo corretto