Petsblog Animali domestici Gatti Obesità gatto: effetti e danni alla sua salute

Obesità gatto: effetti e danni alla sua salute

Quali sono gli effetti e i danni che l'obesità e il sovrappeso provoca nei gatti?

Obesità gatto: effetti e danni alla sua salute

Obesità gatto

Quali sono gli effetti e i danni che l’obesità e il sovrappeso provoca nei gatti?

Obesità gatto: un problema diffuso sia qui da noi che negli Stati Uniti. Pensate che in America si parla di una vera e propria epidemia di obesità nei gatti: il 30-35% della popolazione felina è obesa. Inoltre la metà dei gatti di età compresa fra 5 e 11 anni supera il peso ideale. Con il termine di obesità si definisce un accumulo di grasso corporeo in eccesso. I felini vengono considerati sovrappeso quando superano del 10-20% il loro peso corporeo ideale. Ma quando superano tale peso del 20%, allora si parla di obesità vera e propria. Siamo tutti consapevoli del fatto che l’obesità accorcia le vite dei gatti, ma in pochi si rendono conto che l’obesità rende i gatti più propensi a sviluppare malattie. Ma andiamo a vedere gli effetti dell’obesità sui gatti.

Obesità gatti: effetti e malattie

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che anche un sovrappeso moderato diminuisce l’aspettativa di vita dei gatti. Inoltre gli studi hanno rivelato che il tessuto adiposo è biologicamente attivo. Un tempo si pensava che il grasso fosse un tessuto abbastanza inattivo, capace solo di immagazzinare l’energia in eccesso e aumentare la massa corporea. Adesso, invece, gli studi hanno evidenziato che il grasso secerne ormoni infiammatori e crea stress ossidativo sui tessuti corporei, fattori che contribuiscono allo sviluppo di molte malattie.

Non a caso ora l’obesità è classificata come una condizione infiammatoria cronica di basso livello. I gatti obesi hanno un aumentato rischio di sviluppare malattie come:

Il primo passo per risolvere questo problema è il fatto che il proprietario deve riconoscere che questo problema esiste (una delle cose più difficile). A questo punto il veterinario valuterà tramite una serie di esami del sangue se ci sia qualche malattia metabolica o ormonale alla base dell’obesità del gatto e se quest’ultima abbia già provocato una delle malattie elencate sopra.

Se tutto fosse nella norma, bisognerà cominciare a mettere il gatto a dieta, riformulando la razione tramite un veterinario nutrizionista se il gatto mangia un’alimentazione casalinga o utilizzando gli appositi alimenti commerciali per far dimagrire i gatti. Non basta, infatti, ridurre semplicemente la quantità di cibo somministrata: sul lungo periodo si avranno carenze e problemi di malnutrizione.

In secondo luogo bisognerà aumentare il metabolismo del gatto, stimolandolo a fare più attività fisica e arricchendo l’ambiente. Una volta raggiunto il peso forma, poi, bisogna riuscire a mantenere tale peso, sempre utilizzando alimenti o porzioni di cibo adeguati.

Via | The Daily World

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quali sono le razze di cani più ubbidienti?
Cani

Il libro “The Intelligence of Dogs” di Stanley Coren, professore di psicologia canina all’Università della British Columbia, classifica le razze di cani in base alla loro obbedienza. Le razze più ubbidienti sono il Border Collie, il Barboncino, il Pastore Tedesco, il Golden Retriever, il Doberman, il Pastore delle Shetland, il Labrador Retriever, il Papillon, il Rottweiler e l’Australian Cattle Dog.