Cane in passeggiata: cosa dice la legge?

Cosa dice la legge in merito alle passeggiate dei cani? Quali sono gli obblighi a cui deve sottostare il proprietario?

cane passeggiata

Il sito Ragusa24 ha ritenuto opportuno ricordare a tutti cosa dice la legge in materia di passeggiata dei cani. Questo a causa dell'episodio che ha visto un bambino di dieci anni azzannato da un cane meticcio di proprietà di una signora di Ragusa mentre giocava a calcio. Ovviamente chi non ottempera a tali disposizioni andrà incontro a sanzioni. In pratica il proprietario o il detentore del cane per evitare danni o lesioni a persone, animali o cose quando si trova in un luogo pubblico o aperto al pubblico deve:

  1. usare sempre un guinzaglio di lunghezza non superiore a 1,50 metri durante la conduzione del cane in città e nei luoghi aperti al pubblico
  2. portare con sé la museruola, sia essa rigida o morbida, da usare sul cane nel caso di pericolo per persone o animali o se le Autorità ne richiedono l'applicazione
  3. affidare sempre il cane a persone che siano in grado di gestirlo come si deve
  4. prima di acquistare un cane informarsi sulle caratteristiche fisiche, etologiche e sulle leggi in vigore
  5. assicurarsi che il cane abbia sempre un comportamento adatto alla convivenza con le persone e con gli animali

Mi duole ammettere che troppo spesso i proprietari di cani non solo non si informano sui loro obblighi di legge, ma anche quando ne sono a conoscenza li ignorano. Molti usano guinzagli estensibili lunghi ben più di 1,50 metri e poi si arrabbiano quando l'automobilista investe il loro cane che se ne stava in mezzo alla strada con un guinzaglio srotolato lungo cinque metri. La museruola è una sconosciuta, andrebbe sempre portata con sé, ma nella maggior parte dei casi nessuno la porta e nessuno la fa indossare, neanche in caso di cani che hanno già morso in passato o che ammettono essere aggressivi.

Non sto neanche a sottolineare il fatto di affidare il cane a persone che siano in grado di gestirlo: quante volte si vedono molossoidi tenuti da ragazzini che non hanno la più pallida idea di cosa hanno per le mani e per cui il cane è solo qualcosa con cui pavoneggiarsi con gli amici? E cani enormi tenuti a stento da esili vecchiette che pesano si e no la metà del cane? Nessuno che si informi mai prima delle caratteristiche di razza e delle leggi e trasecolano quando scoprono che forse quel Mastino Tibetano non era adatto come primo cane di un neofita in una casa in cui è appena nato un neonato. O che forse un Beagle non è proprio un cane da appartamento. E stendo un velo pietoso anche sull'ultimo punto, molti proprietari anche quando gli fai notare che il cane non si sta comportando correttamente fanno orecchie da mercante.

Altri obblighi sono:

  1. i proprietari dei cani inseriti nell'apposito Registro dei cani pericolosi devono avere polizza di assicurazione di responsabilità civile per danni contro terzi e devono sempre mettere al cane sia guinzaglio che museruola nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico
  2. se gli organi di vigilanza lo richiedono, i proprietari e i detentori devono esibire l'assicurazione e i documenti relativi al microchip del cane
  3. chiunque porti un cane in città deve raccogliere le feci e avere paletta e sacchetto per raccoglierle

I trasgressori pagheranno multe che vanno dai 25 ai 500 euro secondo l'art. 7 bis del D.L.vo 18-8-2000 n. 267. Inoltre chi dimostra di non avere l'assicurazione (la norma si riferisce a cani inseriti nel Registro) o di non avere il microchip (anche mancata esibizione dei documenti), ecco che il cane verrà affidato temporaneamente al canile convenzionato. In questo caso il proprietario può richiedere la restituzione del cane entro massimo dieci giorni a patto però che:

  1. il cane sia definito pericoloso
  2. sia inserito il microchip tramite l'ambulatorio veterinario dell'Anagrafe Canina o tramite un veterinario libero professionista
  3. venga esibita la polizza assicurativa
  4. vengano pagate le spese di recupero e ricovero del cane

Via | Ragusa24

Foto | fotokoci

  • shares
  • Mail