Malattia policistica nel gatto: sintomi

Questi sono i sintomi e i segni clinici della malattia policistica nel gatto, patologia che spesso colpisce i gatti Persiani e che ha la sua manifestazione frequente nel rene policistico.

Gatto Persiano Chinchillà

Una patologia di abbastanza comune riscontro nei nostri felini è la malattia policistica nel gatto. La sua manifestazione più comune è il rene policistico, per cui impropriamente si tende a definirla così. Tuttavia non è corretto perché le cisti possono formarsi anche su altri organi, soprattutto a carico anche del fegato. L'acronimo della malattia policistica nel gatto è PKD. E' una malattia genetica e ereditaria che colpisce preferenzialmente gatti Persiani, Exotic e loro incroci. Tuttavia è possibile vederla anche in gatti europei comuni che geneticamente siano incrociati con queste razze.

Malattia policistica nel gatto: sintomi e segni clinici

Nella malattia policistica del gatto tipicamente si formano cisti di numero e dimensioni variabili su rene, fegato e/o pancreas. La malattia è progressiva: ciò vuol dire che una volta che si manifestano le cisti, queste continueranno ad andare avanti, ingrandendosi e soppiantando così il parenchima funzionante dell'organo in cui si sono sviluppate.

Questo vuol dire che i sintomi dipenderanno da quali organi sono stati colpiti e da quanto sono grandi le cisti. Cisti piccole, in stadi iniziali, non provocano sintomo e il loro ritrovamento è un reperto occasionale in corso di ecografia magari per altri motivi. Man mano che le cisti crescono, queste sostituiscono il parenchima funzionante, provocando così sintomi di insufficienza renale, insufficienza epatica e problemi pancreatici. Con annessi sintomi legati alla compressione delle cisti sugli altri organi addominali.

Solitamente i sintomi sono quelli riferibili a un'insufficienza renale. La sintomatologia tende a comparire dai sette anni di vita in su. Non c'è predisposizione di sesso, l'alimentazione non c'entra nulla con lo sviluppo delle cisti: è una malattia ereditaria a trasmissione dominante, per cui i gatti affetti vanno esclusi dalla riproduzione (non esistono gatti omozigoti per questa malattia perché muoiono o prima di nascere o poco dopo).

Ricordiamo qui i sintomi da insufficienza renale cronica nel gatto:

  • anoressia
  • polidipsia
  • poliuria
  • vomito (a volte con sangue)
  • diarrea (a volte con sangue)
  • ulcere in bocca
  • mantello scadente
  • dimagramento
  • alito uremico

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail