Petsblog Novità Informazione Le 12 piante più tossiche per cani e gatti

Le 12 piante più tossiche per cani e gatti

Ecco le dodici piante più tossiche per cani e gatti secondo l'American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ASPCA), la UC Davis School of Veterinary Medicine e Texas A&M così come riportato da Pots Planters and More.

Le 12 piante più tossiche per cani e gatti

Piante tossiche per cani e gatti – Non parleremo mai abbastanza di quali siano le piante tossiche per cani e gatti. I nostri pet non possono parlare quindi non ci possono dire se hanno o meno ingerito quella pianta trovata in giardino o quella nuova pianta che abbiamo inserito in casa. Ecco che allora su Pots Planters and More è comparsa una nuova guida su quali siano le 12 piante più tossiche per cani e gatti, basata sui dati ricevuti dall’American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ASPCA), dalla UC Davis School of Veterinary Medicine e da Texas A&M. Ecco dunque quali sono le dodici piante più tossiche per cani e gatti:

  1. Ricino (Ricinus communis): tossica sia per cani che per gatti. Sono dannosi sia i semi che l’intera pianta (contiene ricino, sostanza che inibisce la sintesi proteica). Fra i sintomi abbiamo: irritazione locale, difficoltà respiratorie, vomito, diarrea, disidratazione, incoordinazione motoria, insufficienza renale, coma e morte
  2. Caladio (Araceae): tossico per cani e gatti. E’ tossica tutta la pianta (contiene ossalato di calcio). Fra i sintomi abbiamo: irritazione locale, difficoltà di deglutizione, vomito, scialorrea, difficoltà respiratorie
  3. Giglio e Emerocallide (Lilum e Hemerocallis): tossico per il gatto. E’ tossica tutta la pianta. Fra i sintomi abbiamo: anoressia, vomito, letargia, depressione, diarrea, disidratazione, insufficienza renale e morte
  4. Dieffenbachia (Araceae): tossica per cani e gatti. E’ tossica tutta la pianta. Fra i sintomi abbiamo: irritazione locale, scialorrea, vomito, difficoltà di deglutizione, difficoltà di respirazione
  5. Abro (Abrus precatorium): tossico per cani e gatti. Sono tossici i semi. Fra i sintomi abbiamo: grave vomito, diarrea, febbre, tremori, tachicardia, shock e morte
  6. Erba cornetta (Delphinium consolida o Consolida regalis): tossica per cani e gatti. E’ tossica la pianta giovane. Fra i sintomi abbiamo: stipsi, tremori muscolari, coliche, scialorrea, rigidità muscolare, debolezza, paralisi respiratoria, insufficienza cardiaca e morte
  7. Digitale purpurea (Digitalis purpurea): tossica per cani e gatti. Sono tossiche le foglie. Fra i sintomi abbiamo: vomito, debolezza, diarrea, aritmie cardiache, insufficienza cardiaca e morte
  8. Colchico d’autunno (Colchicum autumnale): tossico per cani e gatti. E’ tossica l’intera pianta. Fra i sintomi abbiamo: irritazione locale, vomito con sangue, scialorrea, diarrea, soppressione midollare, danno multi-organo e morte
  9. Palma nana (Cycas revoluta): tossica per cani e gatti. Sono tossici sia i semi che l’intera pianta. Fra i sintomi abbiamo: vomito, letargia, melena, ittero, ecchimosi, coagulopatia, gastrite emorragica, insufficienza epatica e morte
  10. Robinia o acacia (Robinia pseudocacia): tossica per cani e gatti. Sono tossici i germogli, l’intera pianta e la corteccia. Fra i sintomi abbiamo: nausea, debolezza, depressione del sensorio, insufficienza renale e morte
  11. Tasso (Taxus bacata): tossico per cani e gatti. Sono tossici semi, foglie e corteccia. Fra i sintomi abbiamo: morte improvvisa, dispnea, convulsioni, tremori muscolari, difficoltà respiratorie e insufficienza cardiaca
  12. Oleandro (Nerium oleander): tossico per cani e gatti. Sono tossiche le foglie e l’intera pianta. Fra i sintomi abbiamo: coliche, diarrea, tremori muscolari, decubito, difficoltà respiratorie, insufficienza cardiaca e morte

Via | Lifehacker

Foto | fruey

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quanto dura il ciclo ai cani di taglia piccola?
Cani

Il ciclo estrale dei cani di piccola taglia dura tanto quanto quello dei cani di taglia media e di taglia grande. Forse l’unica differenza sta nella quantità delle perdite ematiche: i cani di grossa taglia tendono a perdere un po’ più di sangue rispetto ai cani di piccola taglia. Ma la durata delle varie fasi e i sintomi sono i medesimi