Petsblog Cani Come lavare i denti al cane

Come lavare i denti al cane

Non va mai sottovalutata l'igiene orale negli animali e lavare i denti al cane, specie per alcune razze, è importante per la salute. Ma come abituare il nostro pet a farsi manipolare il muso e spazzolare i denti e ogni quanto effettuare questa operazione? Di norma, è bene abituare Fido da quando è cucciolo, per evitare stress e rischio di morsi accidentali.

Come lavare i denti al cane

Fonte immagine: Pexels

Una buona igiene orale, in umana come in veterinaria, aiuta la salute generale a mantenersi forte e lavare i denti al cane è una di quelle operazioni da effettuare regolarmente. Per alcune razze in particolare, che sono più soggette alla formazione del tartaro, le spazzolate periodiche favoriscono il contenimento del problema. E a giovarne non è solo l’alito del nostro amico.

Non è infatti anomalo che un cane abbia difficoltà a masticare se patisce disturbi a livello gengivale e dentale, una situazione che porta salivazione anormale, inappetenza, dolore alla bocca e alitosi. Le conseguenze sono, proprio come accade per noi esseri umani, vedere un cane abbacchiato che necessiterà di una visita dal veterinario per un trattamento di urgenza.

In questi casi, se la patologia a livello parodontale è in stadio avanzato (occhio, la parodontite non è un problema raro, ma colpisce quasi l’80% dei cani), si rischia anche la perdita di denti. Un buon trattamento domestico per mantenere la salute orale a posto e, se il veterinario concorda, anche una pulizia dentale annuale a partire dal secondo anno di età, possono scongiurare infiammazioni più gravi.

Di seguito vedremo come lavare i denti al cane e quali comportamenti attuare per migliorare la condizione dentale e gengivale del nostro amico di zampa.

Prima di lavare i denti al cane

Ci sono alcune regole da rispettare quando ci si approccia per la prima volta al lavaggio dei denti del nostro Fido, una buona pratica che va eseguita da quando è cucciolo. In generale:

  • Chiedi prima al veterinario: prima di iniziare a pulire i denti del tuo cane, è sempre meglio chiedere al veterinario di mostrarti il ​​modo migliore per farlo. Razze diverse mostrano diversi allineamenti della mascella e differenti spazi tra i denti. I cani dal muso piatto, come Carlini e Chihuahua, hanno mascelle poco allineate, con una dentatura irregolare, il che li rende più soggetti a malattie dentali.
  • Inizia a lavare i denti quando il cane è cucciolo per abituarlo. Un buon modo per iniziare è di fargli prendere confidenza con la pratica, avvicinando al muso un panno morbido da adoperare sui denti frontali. In un secondo momento di può sostituire il panno con uno spazzolino adatto alla dentatura del nostro cane. I dentifrici per cani hanno un ottimo profumo, il che li rende molto graditi agli animali. Ne possiamo spremere una quantità minima sullo spazzolino e lavare i denti per qualche secondo, fino a quando il nostro pet non si è abituato e ci permetterà lavaggi completi.
  • No al dentifricio per umani, che spesso contiene ingredienti tossici per i cani, quali lo xilitolo. In commercio esistono molti dentifrici per cani dall’aroma a loro gradito, in grado di pulire la bocca senza provocare stress al palato. E soprattutto senza dare problemi se ingerito.

Come lavare i denti al cane: la procedura

Una volta che abbiamo raggiunto una certa dimestichezza con il lavaggio dei denti al cane, o meglio, quando lui si è abituato a spazzolino e dentifricio, tutto diventa semplice. In linea di massima, il modo corretto per una buona pulizia del cavo orale, da effettuare, a seconda di quanto suggerito dal veterinario, da una volta al giorno a due volte a settimana è:

  • Per prima cosa, chiama il tuo cane con voce amichevole.
  • Applica una piccola quantità di dentifricio per cani su uno spazzolino e solleva il labbro del tuo cane con la mano libera, quindi spazzola i denti vicini alla guancia con un movimento rettilineo avanti e indietro. Cerca di tenere lo spazzolino a un angolo di 45 gradi rispetto al dente, con le setole rivolte verso la gengiva. Dovrai aprire leggermente la bocca del cane per raggiungere il bordo gengivale inferiore.
  • Lava dai denti posteriori verso la linea mediana della bocca del tuo cane, quindi passa all’altro lato.
  • Procedi gradualmente fino a raggiungere i grandi denti nella parte posteriore della bocca.
  • Generalmente è necessario pulire solo le superfici esterne dei denti perché la lingua tende a rimuovere la placca dalle superfici interne.
  • Prova a spazzolare per circa 30 secondi per lato, ma interrompi se noti stress nel cane.
  • Assicurati di elogiare il tuo cane a fine procedura e offrigli un bocconcino dopo averlo spazzolato. Questo renderà l’esperienza più positiva, facilitando i lavaggi successivi.

Come mantenere i denti sani del cane

Una volta capito come lavare i denti al cane, è anche importante sapere come mantenere una buona salute orale tra una spazzolata e quella seguente. Di norma, molti proprietari optano per il cibo umido, ma d’accordo con il veterinario si può optare per una dieta che sia comprensiva anche del secco. Le crocchette infatti aiutano a liberarsi del tartaro, in quanto hanno un leggero effetto pulente sui denti, oltre che migliorare i muscoli della masticazione.

In commercio possiamo anche trovare delle barrette fatte appositamente per migliorare l’igiene dentale del cane, ma non sono da sostituire ad una corretta spazzolatura dei denti. Anche in questo caso, facciamo in modo che sia il veterinario a suggerire lo snack migliore e consideriamo di variare se dovesse avere effetti negativi a livello di stomaco e intestino.

Ci sono cani molto sensibili a cui anche gli stick somministrati ogni tanto danno problemi gastrici e intestinali.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come curare la rogna del cane con metodi naturali?
Salute cani

È possibile curare la rogna del cane con metodi naturali? No, bisogna usare dei farmaci veri per debellare gli acari delle rogne. Al massimo si possono usare integratori per stimolare le difese immunitarie e aiutare l’organismo a combattere l’infestazione parassitaria