Petsblog Cani Morso cane: niente panico, ecco cosa fare

Morso cane: niente panico, ecco cosa fare

Se un cane ti ha morso, cosa dovresti fare per prevenire il rischio di gravi infezioni e altre complicanze? Nella maggior parte dei casi, i morsi dei cani causano ferite superficiali e poco allarmanti. Ciononostante, è sempre opportuno disinfettare la ferita e rivolgersi al medico. Nei casi più severi, infatti, potrebbe essere necessaria una terapia antibiotica o una vaccinazione antirabbica e/o antitetanica.

Morso cane: niente panico, ecco cosa fare

Fonte immagine: Pixabay

Chi è mai stato morso da un cane potrà confermarlo: che sia il cane del vicino, il cucciolo di famiglia o un randagio incontrato per strada, quando un cane ti morde non è mai un’esperienza piacevole. Nella migliore delle ipotesi, possiamo riportare delle ferite superficiali. Nel peggiore dei casi, il morso di un cane potrebbe causare gravi lesioni e dolorose lacerazioni.

Ma cosa fare per affrontare in modo adeguato la situazione?

Al di là delle possibili cause che possono indurre un cane a mordere il proprietario o un bambino, è sempre importante saper agire in modo tempestivo quando si affronta una situazione del genere. Bisogna capire quando preoccuparsi per il morso di un cane e cosa bisogna fare quando un cane ti aggredisce.

Cosa succede se ti morde un cane vaccinato?

Sia che si tratti di un cane vaccinato o di un randagio, il miglior consiglio che possiamo darti è quello di non sottovalutare la situazione.

I morsi degli animali, infatti, possono essere veicolo di infezioni e malattie. La saliva dell’animale contiene batteri che, a contatto con delle ferite aperte, possono dare origine a dolorose infezioni.

Fra i principali sintomi di infezione causata da un morso di cane vi sono:

  • Dolore
  • Gonfiore
  • Febbre
  • Arrossamento della parte.

Se a morderti è stato il tuo cane o quello di un conoscente o amico, assicurati che l’animale abbia ricevuto il vaccino contro la rabbia. In caso contrario, o qualora tu sia stato aggredito da un animale randagio, dovresti sottoporti a una vaccinazione preventiva.

Oltre a malattie e infezioni, il morso potrebbe causare anche danni ai tendini, tagli profondi e lividi, ragion per cui è sempre opportuno e saggio consultare il medico almeno entro 8 ore dal morso.

Morso di cane: che fare?

Come abbiamo anticipato, se sei stato morso da un cane, la miglior cosa da fare sarà consultare il medico e non trascurare il problema.

In base alla gravità della lesione, il medico saprà come intervenire. Prima, però, bisognerà disinfettare la ferita.

Lava per bene la lesione con dell’acqua corrente e del sapone delicato. Quindi, potrai utilizzare un disinfettante o acqua ossigenata.

Dopodiché, applica sulla parte una crema antibiotica per ferite (in modo da ridurre il rischio di infezioni) e copri utilizzando una garza asciutta e sterile.

Come curare una ferita da morso di cane?

Anche se quello che hai riportato sembrerebbe essere solo un morso di cane superficiale, ti consigliamo ugualmente di consultare il medico curante, specialmente se il cane che ti ha morso è un randagio o se non ne conosci lo stato di salute. Il medico potrà valutare se siano necessari dei punti di sutura.

Recati al pronto soccorso in caso di morso profondo, se non riesci a bloccare la fuoriuscita di sangue o se noti i primi segni di infezione.

Al pronto soccorso, i medici potrebbero consigliarti una terapia antibiotica, per scongiurare qualsiasi rischio di infezione o trattare un’infezione già in corso. Inoltre, potresti doverti sottoporre a una vaccinazione antitetanica e a un’antirabbica.

Per alleviare il dolore, lo specialista potrebbe consigliarti di assumere dei farmaci da banco, come paracetamolo e ibuprofene.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come curare la rogna del cane con metodi naturali?
Salute cani

È possibile curare la rogna del cane con metodi naturali? No, bisogna usare dei farmaci veri per debellare gli acari delle rogne. Al massimo si possono usare integratori per stimolare le difese immunitarie e aiutare l’organismo a combattere l’infestazione parassitaria