Petsblog Cani Salute cani Come utilizzare l’olio di Neem per cani?

Come utilizzare l’olio di Neem per cani?

L'olio di Neem per i cani funziona come repellente contro gli insetti e come antiparassitario? Sì, certo. Solo che ha una potenza e un'efficacia inferiore rispetto ai prodotti chimici in commercio per i cani. Inoltre, anche se è un prodotto naturale, se usato non correttamente può causare danni nei nostri animali

Come utilizzare l’olio di Neem per cani?

In molti si chiedono come usare l’olio di Neem per i cani, soprattutto quando si è alla ricerca di antiparassitari naturali che svolgano anche un’azione di repellenza. Ebbene: è possibile utilizzare l’olio di Neem nei cani, ma nel modo corretto. Questo perché, anche se è un prodotto naturale, non vuol dire che, se usato male, non abbia effetti collaterali o non possa causare lesioni ai nostri animali.

Di sicuro, se si vuole usare l’olio di Neem nei cani, meglio usare le formulazioni ad uso veterinario. In commercio esiste l’olio di Neem per cani spray, sotto forma di spot on o anche di collari. Questo perché sono già diluite e testate in modo da non cagionare danni o effetti tossici ai nostri amici a quattro zampe.

Olio di neem cani: a cosa serve?

olio neem cane

L’olio di Neem è un olio essenziale che si ottiene dall’albero del Neem, il cui nome scientifico è Azaditachta indica. Facente parte della famiglia delle Milacee, è una pianta che cresce in India, Africa e America.

Ricco di acidi grassi e triterpeni, ha azione:

  • antinfiammatoria
  • antiossidante
  • idratande
  • emolliente
  • antibatterica
  • antifungina
  • antiparassitaria
  • repellente

Effettivamente, è usato soprattutto in agricoltura come antiparassitario. Gli insetti che si nutrono di piante lo ingeriscono, bloccando così muta e riproduzione. Tuttavia è innocui per api e altri insetti impollinatori.

Grazie a questa funzione (soprattutto per merito del principio attivo acadiractina), è usato in medicina veterinaria come repellente: blocca la muta del parassita e blocca lo stimolo della fame negli insetti.

Per quanto riguarda i cani, l’olio di Neem è attivo contro:

  • pulci
  • zecche (ma meno efficace rispetto all’azione contro le pulci)
  • mosche
  • flebotomi o pappataci
  • zanzare

Come si usa?

Come dicevamo prima, in commercio esistono formulazioni specificamente testate per cani, con già le opportune diluizioni. Ne esistono sotto forma di spray, spot on o collari.

Le indicazioni e la frequenza d’uso variano a seconda del prodotto acquistato. È bene però rendersi subito conto che diverse ricerche hanno dimostrato che l’olio di Neem ha un’efficacia minore rispetto ad altri antiparassitari commerciali. Per quanto riguarda le zecche, per esempio, fipronil e amitraz causano una morte nelle zecche superiore al 99%, mentre l’olio di Neem ha un tasso di mortalità che varia dal 72,7% al 95,3%.

Cosa vuol dire questo? Che da solo l’olio di Neem non riesce a proteggere i nostri cani dai parassiti esterni. O meglio: non come gli altri prodotti commerciali. Questo vuol dire che, al massimo, può essere usato come ausilio agli alti antiparassitari esterni, ma di sicuro non può essere utilizzato da solo (salvo rare eccezioni, ovvero cani allergici a tutti gli altri tipi di antiparassitari).

Olio di neem cani: controindicazioni

olio neem cani

Per quanto l’olio di Neem sia amato da chi ricerca prodotti naturali a tutti i costi, ricordiamo che “naturale” non è sinonimo di “privo di effetti collaterali”. E ricordiamo anche che l’olio di Neem è usato come antiparassitario in agricoltura.

Questo vuol dire che ci possono essere degli effetti collaterali o delle controindicazioni al suo utilizzo. Di sicuro non va usato quello utilizzato in agricoltura. Ma non bisogna usare neanche l’olio essenziale puro. Lo so che online si trova scritto di applicazioni locali pure, ma questo è il modo migliore per far sviluppare al cane gravi dermatiti e reazioni locali.

Se non volete usare i prodotti commerciali a base di olio di Neem, ma volete utilizzare direttamente l’olio essenziale, la regola è: DILUIRLO. Sia applicazioni spray che shampoo, l’olio di Neem deve essere sempre, sempre, sempre diluito.

Mai usarlo direttamente sulla cute in caso di:

  • dermatiti
  • lesioni
  • ferite

Inoltre bisogna ricordare che ha azione repellente, ma non può impedire al 100% agli insetti di salire sul cane o pungerlo. Questo significa che usare un antiparassitario a base di olio di Neem non vi esime dall’utilizzare gli appositi farmaci per la profilassi contro la filariosi cardiopolmonare.

Fonti:

  1. PubMed
  2. PubMed

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Ogni quanto lavare il cane in estate
Salute cani

Ogni quanto lavare il cane in estate? Per stabilire la frequenza dei bagnetti per il tuo pet bisogna tenere in considerazione diversi fattori, come la lunghezza del pelo e lo stile di vita del cane. In linea di massima, un bagno ogni 2-3 mesi è sufficiente, ma un cane a pelo lungo o un quattrozampe molto attivo potrebbe richiedere qualche bagnetto extra.