Petsblog Cani Principali calcoli nei cani e gatti: tipi e cristalli

Principali calcoli nei cani e gatti: tipi e cristalli

Facciamo una piccola panoramica su quali siano i calcoli e i cristalli urinari più diffusi nei cani e gatti.

Principali calcoli nei cani e gatti: tipi e cristalli

Quando si parla di calcoli urinari e di cristalluria nei cani e gatti bisognerebbe sempre specificare di quale tipo di calcoli o cristalli si tratti. Esattamente come in medicina umana, infatti, non esiste un unico tipo di urolita o cristallo, bensì ce ne sono diversi. E ciascuno di essi si forma in determinate condizioni ed è associato a diverse patologie. Per esempio, se calcoli di struvite in un gatto possono essere associati a una FUS, calcoli di urato di ammonio nel cane possono essere associati a problemi epatici.

Quindi ecco che oggi andiamo a vedere i principali calcoli e cristalli nelle urine di cani e gatti, poi piano piano andremo a parlare di ciascuno di essi.

Calcoli e cristalli di struvite

E’ il tipo di calcolo o cristallo più comune, sia nei cani che nei gatti. Noto anche come triplo fosfato ammonico-magnesiaco, si sviluppa solitamente in urine dal pH alcalino o basico, quindi dal pH 7 in su. E’ un tipo di cristallo o calcolo che si scioglie acidificando le urine tramite la dieta o opportuni acidificanti, a meno che come calcolo non sia troppo grosso o misto. La particolarità dei cristalli di struvite è che all’esame microscopico del sedimento il cristallo ha l’aspetto di un coperchio di bara.

Calcoli e cristalli di ossalato calcio

E’ il secondo tipo di cristallo o calcolo più diffuso in cani e gatti. Si sviluppa in presenza di un pH troppo acido, dai 5.5 in giù. Inoltre è anche tipico il suo riscontro nelle urine di animali avvelenati da glicole etilenico (almeno, nelle fasi iniziali dell’avvelenamento). All’esame microscopico del sedimento urinario i cristalli di ossalato di calcio si presentano in due forme: come busta di lettere (quello più comune, è un ossalato diidrato) o a forma di clessidra/esagono allungato (è quello di ossalato monoidrato).

Calcoli e cristalli di carbonato calcio

All’esame microscopico del sedimento i cristalli di carbonato di calcio appaiono sferici con striature, di colore giallo-marrone o incolori.

Calcoli e cristalli di urato ammonio

Si tratta di cristalli di ammonio biurato. Tendono a svilupparsi anche essi in presenza di pH alcalino e all’esame del sedimento urinario hanno un aspetto tondeggiante con punte, di colore giallo-marrone. Talvolta il loro riscontro nelle urine, se presenti in piccola quantità, è normale. Altrimenti sono associate a patologie epatiche, fra cui anche lo shunt portosistemico.

Calcoli e cristalli di bilirubina

Questi cristalli si sviluppano in urine a pH acido. All’esame microscopico del sedimento i cristalli di bilirubina sembrano delle spicole allungate, giallastre. Se se ne trovano pochi nelle urine concentrate possono essere normali, altrimenti sono associati ad anemia emolitica e a malattie epatiche.

Calcoli e cristalli di cistina

Anche i cristalli di cistina si sviluppano in urine a pH acido e hanno una forma esagonale. Sono associati alla presenza di cistinuria con diminuito riassorbimento di amminoacidi a livello renale.

Calcoli e cristalli di tirosina

I cristalli di tirosina si sviluppano in urine a pH acido e hanno l’aspetto di fasci aghiformi. Si manifestano in presenza di lesioni epatiche.

Calcoli e cristalli di leucina

Anche i cristalli di leucina si sviluppano in urine acide e appaiono come sfere con striature concentriche. Indicano la presenza di patologie epatiche.

Calcoli e cristalli di acido urico

I cristalli di acido urico si sviluppano in urine dal pH acido e sembrano dei rombi o ovali con estremità appuntite. Sono tipici dei Dalmata e di cani con patologie epatiche.

Calcoli e cristalli di colesterolo

I cristalli di colesterolo si sviluppano sia in urine a pH acido che a pH neutro. Sono rettangolari o lamellari e li possiamo trovare in animali sani, casi di ipercolesterolemia o nefropatia proteinodisperdente.

Calcoli e cristalli di xantina

I cristalli di xantina sviluppano a seguito di terapia con allopurinolo e sono tondeggianti e gialli.

Calcoli e cristalli amorfi di fosfato

I cristalli e calcoli amorfi di fosfato si sviluppano nelle urine con pH alcalino, ma spesso si confondono con i batteri. Hanno un aspetto granuloso, giallo-verdastro.

Calcoli e cristalli amorfi di urato

I cristalli e calcoli amorfi di urato si sviluppano nelle urine con pH acido, ma spesso si confondono con i batteri. Hanno un aspetto granuloso, marrone.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come far addormentare un cane
Cani

Come tranquillizzare un cane di notte? Sapere come far addormentare un cane potrebbe essere di aiuto sia per te che per il tuo pet, specialmente se il cane non dorme per colpa dello stress, di una malattia o perché si sente a disagio. La privazione del sonno, infatti, potrebbe comportare spiacevoli conseguenze per il tuo pet. Per affrontare il problema, bisognerà individuare le cause sottostanti.