Cosa fare se il cane ha paura delle persone?

Cane con paura o fobia delle persone? Ecco qualche consiglio.

Cane che ha paura delle persone

Ribadisco il concetto: le fobie dei cani sono fra le patologie comportamentali più difficili da risolvere e richiedono il supporto di un veterinario comportamentalista e/o un educatore cinofilo, le due figure non si escludono a vicenda. Da soli a casa difficilmente riuscirete a risolvere il problema, anche solo seguendo i consigli dati su internet o letti sui libri. Se fosse così facile risolverli da soli, non solo li avreste già risolti da tempo, ma non vi sareste neanche trovati nella condizione di chiedere aiuto. Questo è doveroso specificarlo per tutti coloro che si arrabbiano perché "Non mi date consigli utili". Il consiglio è stato dato, è stato spiegato anche il perché, che poi non piaccia è un altro discorso. Ma cosa fare se il cane ha paura delle persone?

Perché il cane ha paura delle persone?

Tranne in cani appena presi dal canile o da situazioni particolari, di solito questo tipo di fobia è indirizzato verso gli sconosciuti o verso particolari tipologie di persone, vedi cani che hanno paura solo degli uomini, dei bambini, degli anziani, delle persone con occhiali da sole...

Non entriamo nel merito sul perché il cane abbia sviluppato una fobia (maltrattamenti, scarsa/assente/sbagliata socializzazione da cuccioli, correzioni sbagliate ai primi segnali di fobia, sindrome da privazione sensoriale...), il problema è che una delle rispose più comuni del cane alla fobia delle persone è l'aggressione. Altre risposte possono essere l'evasione, il nascondersi, la fuga o il rimanere vicino a una parete.

Cani spaventati mostrano la loro paura tremando, aumentando la salivazione, dilatando le pupille, urinando, defecando, schiacciando le ghiandole paranali... Ovviamente non è detto che mettano per forza in atto tutti questi comportamenti insieme. Come atteggiamenti corporei noterete che questi cani evitano di guardare negli occhi le persone, abbassano la testa, le orecchie sono appiattite sulla testa, si fanno più piccoli, coda fra le gambe, possono anche mettersi a pancia all'aria, con la coda fra le gambe e urinandosi addosso.

Ci sono cani che per loro stessa indole tendono ad avere paura delle persone, altri che sono cresciuti in ambienti privi di stimoli e che non hanno mai visto altre persone al di fuori di quelle del nucleo famigliare e che così non hanno mai imparato come rapportarsi correttamente con uno sconosciuto. Altri cani possono aver subito dei maltrattamenti dalle persone e quindi avere imparato a temerle, altri ancora ai primi segni di comportamento non corretto sono stati corretti in maniera sbagliata: vedi il cane che per paura si nasconde o aggredisce e il proprietario cerca di consolarlo nel momento di maggior ansia e paura coccolandolo, rinforzando così il suo comportamento indesiderato e dicendogli, di fatto, che fa bene ad avere paura, che lui approva la sua paura e che in futuro dovrà avere sempre più paura.

A volte la fobia è provocata da malattie ormonali o organiche, vedi cani con ipotiroidismo, tumori cerebrali o altro. A volte, semplicemente, non si riesce a risalire a una causa precisa.

Cane che ha paura delle persone: cosa fare?

Di sicuro è meglio prevenire. Quindi mai prendere cuccioli di età inferiore ai due mesi, farli socializzare sin da piccoli con tutti e non tenerli in un ambiente privo di stimoli, quindi non tenerli sotto una campana di vetro perché non impareranno mai come comportarsi correttamente.

Evitare anche di rinforzare erroneamente i comportamenti sbagliati coccolando, accarezzando il cane quando è in fase acuta. Anche forzare il cane può essere controproducente: la desensibilizzazione va fatta correttamente, se eseguita male peggiora solamente le cose. Se il cane ha paura di quella persona, non forzatelo a rapportarsi con lei, se il cane non è aggressivo in questa sua fobia, fate in modo che la persona di cui ha paura si sistemi ad una certa distanza dal cane dandogli le spalle e facendo altro, ignorando il cane e tenendo magari del cibo a portata di mano. Il cane deve capire gradualmente, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana che quella persona è innocua e bisogna aspettare che sia lui ad avvicinarsi a noi, ma questo è un lavoro che richiedere tempo e pazienza.

Il veterinario comportamentalista/educatore cinofilo non servono solo a curare il cane quando ormai la fobia è manifesta, servono anche a insegnarvi come si interagisce correttamente col cane.

Se bastasse avere sempre avuto cani per sapere come comportarsi con loro, non arriverebbero continuamente richieste di aiuto su questo o quel problema comportamentale.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail