Petsblog Cani Alimentazione cane Tonno al naturale al cane, fa bene?

Tonno al naturale al cane, fa bene?

Al cane si può dare il tonno al naturale? Dipende. In teoria se ogni tanto gli diamo del tonno al naturale o del tonno all'olio di oliva, non dovrebbe succedere nulla. Questo sempre che il cane non sia allergico o intollerante al pesce. O che quel tonno non sia troppo ricco di istamina

Tonno al naturale al cane, fa bene?

Spesso i proprietari si chiedono se il tonno al naturale possa far bene al cane. Effettivamente, in molte scatolette e crocchette a base di pesce, è presente anche il tonno. Tecnicamente anche in una dieta casalinga può essere che il nutrizionista veterinario inserisca del pesce come fonte proteica, tuttavia di solito non viene scelto il tonno. Se il cane non è allergico al pesce e vuoi dargli un pezzettino

Il tonno al naturale fa bene al cane?

cane mangia pesce

Tecnicamente il tonno è un alimento ricco di proteine di alto valore biologico, acidi grassi omega 3, vitamine (anche vitamina B3, B6, B12 e D) e minerali (soprattutto ferro, zinco, magnesio e selenio). Dunque di per sé può rientrare nella dieta di un cane. Però bisogna fare delle precisazioni.

Il tonno fresco, se somministrato al cane, deve essere fresco (altrimenti si rischia un’intossicazione da istamina) e bisogna togliere tutte le lische. Tuttavia in caso di tonno fresco è bene ricordare che è possibile un avvelenamento da mercurio per i motivi che vedremo nel prossimo paragrafo.

Però è difficile che qualcuno dia del tonno fresco al cane. Più probabile che ci sia la tentazione di dare del tonno in scatola. In generale si somministra il tonno al naturale. È possibile somministrare al cane anche del tonno con olio di oliva o girasole, però meglio scegliere marche che contengono poco sale. Inoltre è sempre bene scolare bene l’olio.

Occhio solo ai tempi digestivi: il tonno ha un determinato tempo di digestione, diverso da quello delle crocchette. Se dunque aggiungiamo troppo tonno alle crocchette, magari per insaporirle, ecco che è possibile che il cane non riesca a digerire bene.

Se il cane lo digerisce puoi anche usare il tonno come premietto.

Cosa fare se il cane mangia il tonno?

Se il cane non soffre di particolari allergie o intolleranze al tonno, è probabile che se mangia un po’ di tonno non succeda nulla. Se il cane, invece, è allergico o intollerante al pesce, aspettati che manifesti sintomi come vomito, diarrea, dermatite, otite e prurito.

Idem dicasi se hai un cane che digerisce di tutto: se gli somministri un pezzo di tonno non accade niente. Ma se hai un cane che sviluppa vomito e diarrea ogni volta che mangia qualcosa di diverso dalla sua razione, ovviamente è meglio se non gli somministri altri tipi di cibo.

Diverso il caso se il cane ha mangiato del tonno contenente alti livelli di mercurio. Il fatto è che il tonno è un pesce che si nutre di altri pesci, motivo per cui nelle sue carni può più facilmente accumularsi il mercurio. Un avvelenamento da mercurio nel cane può causare:

  • alopecia
  • nervosismo
  • stress
  • ansia
  • insufficienza renale acuta
  • incoordinazione motoria
  • diminuzione della sensibilità degli arti
  • tremori
  • cecità
  • vomito con sangue
  • diarrea acquosa o con sangue

Inutile dire che, in questo caso, il cane deve essere portato subito dal veterinario. Idem dicasi se, sfortuna vuole, quel tonno contiene tanta istamina. In tal caso dopo la sua ingestione il cane potrebbe manifestare sintomi di reazione allergica. Anche in questo caso è meglio farlo visitare dal veterinario il prima possibile.

Fonti:

  1. AKC
  2. PubMed

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

I cani possono mangiare l’anguria?
Alimentazione cane

Tecnicamente la risposta alla domanda se i cani possono mangiare l’anguria è sì. Non è una frutta tossica per i cani come, invece, lo è l’uva e l’uva passa. Tuttavia è bene non esagerare nelle dosi e nella frequenza perché come frutta è troppo zuccherina e, soprattutto nei cani che soffrono di diabete mellito o iperglicemia, è controindicata. Inoltre non è un alimento che deve essere presente nella dieta di tutti i giorni di un carnivoro